Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Usa, Toti ripudia Trump: “In democrazia i risultati si accettano, avrei sbagliato a votarlo”

Il presidente ligure su Twitter: "Desolante spettacolo in America". E si rimangia l'endorsement

Più informazioni su

Genova. “Desolante spettacolo in America. In democrazia i risultati si accettano, anche se non si condividono. Avrei votato per Trump. Oggi mi tocca dire: sbagliando“. Lo scrive in un tweet il presidente della Liguria Giovanni Toti commentando l’assalto dei manifestanti a Capitol Hill. Il bilancio degli scontri a Washington è di 4 morti e 54 persone arrestate.

Il governatore più volte aveva lanciato endorsement al presidente americano uscente. “Di principio fossi stato americano avrei votato per Trump, perché con mille difficoltà e un approccio alla pandemia Covid non rituale, talvolta un filo sopra le righe, però l’economia di quel Paese ha retto. Al di là di certi aspetti folcloristici del personaggio credo che gli aspetti di colore siano stati rimarcati di più della sostanza di una presidenza che molte cose le ha azzeccate”, aveva detto all’indomani delle elezioni.

Anche il premier italiano Giuseppe Conte ha twittato: “Seguo con grande preoccupazione quanto sta accadendo a #Washington. La violenza è incompatibile con l’esercizio dei diritti politici e delle libertà democratiche. Confido nella solidità e nella forza delle Istituzioni degli Stati Uniti”.

Con un’azione senza precedenti, i fan di Donald Trump hanno fatto irruzione dentro Capitol Hill per protestare contro la certificazione della vittoria di Joe Biden. La polizia non è stata in grado di fermarli, nonostante da giorni si temesse una escalation della protesta. Un dispositivo esplosivo improvvisato è stato rinvenuto vicino al Congresso. All’interno di Capitol Hill dopo l’irruzione dei fan di Donald Trump ci sono stati alcuni confronti violenti, e uno con armi alla mano all’ingresso della Camera. La polizia ha estratto le armi per proteggere i parlamentari.

“Questa non è una protesta, è un’insurrezione. Le scese di caos non riflettono l’America”, ha affermato il presidente eletto Joe Biden chiedendo poi a Donald Trump di andare in tv e chiedere la fine dell’assedio al Congresso. “Le parole di un presidente contano. Possono ispirare o possono incitare”, aggiunge Biden.

L’elezione ci è stata rubata, ma dovete andare a casa. Non vogliamo che nessuno resti ferito”, ha affermato Donald Trump in un messaggio registrato rivolto ai suoi sostenitori, senza però prendere le distanze dalla protesta.