Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Strada del Turchino, il 15 aprile il passaggio di competenza ad Anas. Ma i tir continuano a ‘bloccarsi’

I residenti segnalano: "I sistemi di navigazione non sono aggiornati"

Genova. Il passaggio di competenza della strada del Turchino, nel tratto piemontese tra Rossiglione e Ovada, dalla provincia di Alessandria ad Anas sarà completato il 15 aprile. Ad annunciarlo il presidente di Regione Piemonte Cirio: una notizia che interessa anche i cittadini genovesi della Valle Stura, che da oltre un anno convivono i disagi legati alla chiusura del strada a causa della frana di Gnocchetto.

Dal 15 aprile, poi, potranno quindi iniziare i lavori, “al momento” fermi a causa di una penuria di liquidità da parte dell’ente provinciale di Alessandria. Stando agli annunci susseguitisi in queste settimane, il Mit potrebbe procedere con un passaggio parziale almeno della tratta interessata, per velocizzare la pratica. Una dichiarazione che ad oggi non ha ancora trovato riscontri fattuali.

Nel frattempo, quindi continuano i disagi per i residenti della vallata e chi vi transita: il passaggio risulta chiuso in maniera permanente dopo i risultati degli ultimi rilievi effettuati in loco, ma sono molti i camionisti che finiscono “intrappolati” in questo vicolo cieco. Succede soprattutto con i mezzi di soglia superiore, che non possono transitare sulla A26 a causa dei cantieri (la galleria Lagoscuro, come è noto, ha una riduzione di sagoma per garantire la operatività delle manutenzioni straordinarie), come la bisarca rimasta bloccata questa mattina.

gnocchetto valle stura

Come denunciano i cittadini, il blocco della strada non è segnalato dai sistemi di navigazione, e quindi molti automobilisti e camionisti vengono “ingannati”: “Basterebbe che le autori informassero i principali provider – commentano gli attivisti del Gruppo Viabilità Valle Stura e Orba – una mail non costa nulla, almeno quello“.

 

(Foto prese dal Gruppo Viabilità Valle Stura ed Orba)