Quantcast
20ª giornata

L’Entella va al riposo in vantaggio, poi viene ribaltata dal Cosenza: 1-2 fotogallery risultati

Inizio di ripresa disastroso per i chiavaresi, che subiscono due reti nel giro di tre minuti vanificando il vantaggio realizzato da Costa al 27° del primo tempo

Virtus Entella vs Cosenza

Chiavari. Prima giornata di ritorno per la Serie B. Il campionato cadetto arriva al giro di boa con una situazione di classifica che lascia ancora spazio a tante incertezze: sono numerose le squadre che possono lottare per la promozione; altrettante sono quelle che dovranno combattere per non retrocedere.

Tra queste ultime ci sono Virtus Entella e Cosenza, che si trovano appaiate al diciassettesimo posto a quota 17 punti. All’andata finì 0 a 0; i calabresi, con undici “X”, sono la squadra del campionato che ha pareggiato più volte. Subiscono pochissime reti, ma al tempo stesso hanno il peggior attacco del torneo.

I chiavaresi arrivano all’appuntamento reduci da un buon periodo, con quattro vittorie negli ultimi cinque turni. In settimana la società del presidente Antonio Gozzi ha acquistato Andrea Marcucci, centrocampista classe 1999, dalla Reggina. Ha invece ceduto l’attaccante Claudio Morra al Pordenone e, in prestito, il centrocampista Marco Crimi alla Reggina.

La cronaca. Vincenzo Vivarini presenta i biancocelesti con un 4-3-1-2: Russo; Coppolaro, Chiosa, Poli, Costa; Koutsoupias, Nizzetto (cap.), Brescianini; Schenetti; Brunori; Capello.

A disposizione ci sono Borra, Paroni, Bonini, Cleur, Pavic, Pellizzer, Cardoselli, Mazzocco, Morosini, Toscano, Mancosu, Rodriguez.

Roberto Occhiuzzi risponde con un 3-4-1-2 con Falcone; Ingrosso, Idda (cap.), Legittimo; Gerbo, Petrucci, Sciaudone, Vera; Tremolada; Carretta, Gliozzi.

Le riserve sono Matosevic, Saracco, Bouah, Schiavi, Ba, Bahlouli, Kone, Sacko, Petre, Sueva, Trotta.

Arbitra Giovanni Ayroldi della sezione di Molfetta, assistito da Salvatore Affatato (Verbano Cusio Ossola) e Davide Miele (Torino); quarto uomo Riccardo Ros (Pordenone).

Al 3° ripartenza dei padroni di casa, cross di Capello, Legittimo si oppone.

Al 5° Schenetti mette al centro un buon pallone per Brunori il cui tiro, smorzato da un avversariom risulta debole e quindi innocuo per Falcone.

All’8° Carretta prova la conclusione al volo: ampiamente fuori misura. Al 9° un tiro-cross di Petrucci si spegne sul fondo.

Al 10° contrasto aereo tra Vera e Koutsoupias: ammonito il giocatore rossoblù.

Nizzetto resta a terra dopo uno scontro con Brescianini ed esce dal campo per essere medicato.

Al 15° respinta corta della difesa chiavarese, recupera Petrucci che calcia a rete: fuori di un soffio.

Dopo circa cinque minuti, Nizzetto rientra in campo.

Al 18° l’Entella mette la palla in rete con un colpo di testa di Brunori su crossa dalla destra di Koutsoupias: annullato per fuorigioco.

Al 19° Brescianini avanza palla al piede, vince un rimpallo e dal limite dell’area fa partire un diagonale: Falcone si distende e respinge.

Al 23° palla in area, Brunori spizza di testa per cercare Capello, Ingrosso allontana.

Al 25° sponda di Brunori per Capello, il suo tiro non trova lo specchio della porta.

Al 26° insidioso destro dal limite dell’area di Capello: Falcone in tuffo manda in angolo. Dalla bandierina calcia Schenetti, in area perfetto inserimento di Costa che con un potente sinistro di controbalzo insacca. Al 27° Entella in vantaggio 1 a 0.

Al 30° cartellino giallo a Idda per una trattenuta ai danni di Brunori.

Al 32° viene ammonito Chiosa che atterra Carretta.

Al 34° tiro-cross di Tremolada, allontana Brunori.

Al 37° cross dalla destra di Gerbo, in area Carretta gira bene di testa: a lato di poco.

Al 44° cross dalla sinistra, deviazione al volo di Carretta ampiamente a lato.

Sono due i minuti di recupero, nei quali non accade nulla di rilevante. A metà partita l’Entella conduce 1 a 0.

Secondo tempo. Tra i chiavaresi in campo Toscano al posto di Nizzetto.

Al 3° cross in area di Carretta, Russo coi pugni respinge.

Al 6° lancio di Vera per Gliozzi che scatta e mette la palla in rete, ma era in fuorigioco.

Il gol del Cosenza è rinviato di un solo minuto. Al 7° perfetto cross dalla destra di Tremolada per la testa di Gliozzi che incorna e pareggia i conti. 1 a 1.

Al 10° Toscano atterra in area Sciaudone: calcio di rigore. Sul dischetto va l’ex Tremolada. Mette in rete, ma l’arbitro fa ripetere: un giocatore ospite è in piena area al momento del tiro. Poi Tremolada trasforma calciando alla sinistra di Russo che intuisce ma non ci arriva: Cosenza in vantaggio 1-2.

Al 14° Brunori mette in mezzo un pallone che scorre pericolosamente in area, ma nessuno dei biancocelesti ci arriva.

Al 16° colpo di testa di Coppolaro: sul fondo.

Al 21° Vivarini effettua un doppio cambio: entra Cleur al posto di Coppolaro e Mancosu sostituisce Capello.

L’Entella prova a costruire azioni da rete, ma la manovra dei padroni di casa è confusa e poco ordinata.

Al 26° gran palla di Mancosu per Koutsupias che centra teso sulla linea di porta dove Falcone anticipa Schenetti.

Prime due sostituzioni nel Cosenza, al 28°: dentro Schiavi e Kone, escono Vera e Tremolada. Al 31°, tra i liguri, Mazzocco e Pavic prendono il posto di Koutsoupias e Costa.

Al 32° Mazzocco prova il destro: Falcone blocca. Nel Cosenza, al 35°, il nuovo arrivato Trotta prende il posto di Gliozzi.

Al 37° punizione laterale di Petrucci, colpo di testa di Sciaudone che Russo trattiene senza problemi.

Falcone perde tempo nel rinvio, al 41°, e viene ammonito.

Al 43° entra Ba al posto di Carretta.

Ayroldi assegna quattro minuti di recupero, ma la squadra locale non sa rendersi pericolosa. Al 47° cartellino rosso a mister Vivarini.

Vince 2 a 1 il Cosenza, che torna al successo dopo sette giornate di astinenza, nelle quali aveva raccolto solamente 5 punti. I calabresi si rilanciano e salgono al quattordicesimo posto in classifica. I chiavaresi restano fermi a quota 17 punti, in diciottesima posizione, raggiunti dall’Ascoli.

L’Entella tornerà in campo lunedì 7 febbraio alle ore 21, quando sarà ospite della Reggiana.

leggi anche
Vincenzo Vivarini
Parola al mister
Entella-Cosenza, Vivarini: “Ci sono mancate cattiveria e determinazione”