Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria, più Torregrossa, che Musa

Squadre e tifosi scaldano i motori per il primo derby fra Spezia e Sampdoria, reduci dagli exploit contro Napoli ed Inter

Genova. Della possibilità di vedere in blucerchiato Petar Musa, ne abbiamo già parlato,  tre giorni fa, sulle pagine di Genova 24.  E’ un centravanti croato (alto 190 cm), che nonostante la giovane età (23 anni a breve), oltre che in patria (NK Zagabria e Inker  Zaprešić), ha maturato tre esperienze in Repubblica Ceca, Viktoria Žižkov, Slovan Liberec Slavia Praga.  Dai filmati in rete, sembra disporre di una certa confidenza col goal, al netto della consistenza delle difese, di certo non paragonabili con quelle italiane…

Ecco, perché, l’opzione (che scherzosamente possiamo definire “Bigtower”, cioè Torregrossa) sarebbe di gran lunga preferibile, sia nel concreto, che per Ranieri…  e stando anche ai principali media nazionali, l’operazione sembra praticamente chiusa, con il siciliano, di San Cataldo, ormai prossimo ad arrivare sotto la Lanterna.

Cellino permettendo, un centravanti alla Torregrossa, rappresenta davvero il terminale ideale per il gioco del mister doriano… tanta manna per i cross di Candreva ed Augello, dato che eccelle nel gioco aereo; forte fisicamente, ma anche rapido e dotato tecnicamente; mancino, ma capace di svariare su tutto il fronte d’attacco.

Per un Torregrossa che entra, un La Gumina o un Ramírez devono uscire… e la soluzione Pescara potrebbe essere quella giusta per l’ex palermitano, per il quale c’è tuttavia lo scoglio quasi insormontabile del riscatto dall’Empoli

Quanto a Gastón, difficile fare previsioni, con un contratto in scadenza, a giugno, il pallino del gioco,  lo ha in mano lui…

Parlando di calcio mercato, si rischia tuttavia di dimenticarsi che domani si gioca un bel derby con lo Spezia… Sarà una bella partita, fra due team reduci da due eclatanti vittorie (gli aquilotti addirittura in dieci, a Napoli) che purtroppo i tifosi potranno godersi solo in Tv…

Vediamo se indoviniamo le scelte dei due mister…

Ranieri confermerà di certo il brillante Audero di questi tempi in porta, mentre la linea difensiva vedrà, da destra a sinistra Bereszyński, Yoshida (anche per via degli acciacchi di Tonelli), Colley, Augello.  A centrocampo, quasi certi Candreva e Jankto sulle fasce, con due fra Thorsby, Ekdal (rientrante da squalifica) e Adrien Silva (se recuperato) a giocare in mezzo al campo, mentre davanti Ranieri potrebbe optare per le due punte (Keita e Quagliarella), oppure solo una con alle spalle Verre o più facilmente Damsgaard, sempre che il mister non decida per una Samp ancora più offensiva, col danese sulla fascia…

Più difficile provare a scrutare fra i pensieri di mister Italiano, il cui ricorso al turn over è statisticamente da record… Compito ancor più arduo, dato che non è stata finora diramata la lista convocati e che vi è da segnalare il rientro in gruppo di Andrey Galabinov, Jeroen Zoet e Daniele Verde, cui va aggiunto il neo acquisto Riccardo Saponara. 

Ma proviamoci lo stesso, a mettere giù i nomi di chi andrà a comporre il suo 4-3-3:

Provedel fra i pali; Ferrer, Terzi, Chabot, Marchizza a comporre la linea difensiva; Estevez, Agoumè e Pobega, a centrocampo; Gyasi, Nzola, Farias, le tre punte.

Vinca il migliore…