Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pestaggio del giornalista Origone, il 10 febbraio la sentenza del processo ai poliziotti

Il pestaggio avvenne durante gli scontri di piazza del 23 maggio 2019. I legali degli agenti stamani hanno chiesto l'assoluzione

Genova. E’ fissata al 10 febbraio la sentenza del processo a carico dei quattro agenti di pubblica sicurezza imputati del pestaggio e delle lesioni ai danni di Stefano Origone, giornalista di Repubblica Genova.

Il pestaggio avvenne durante gli scontri del 23 maggio 2019 tra la polizia e i manifestanti, in piazza Corvetto contro un comizio elettorale di Casapound. Origone venne colpito, mentre si trovava a terra, riportando varie contusioni e fratture a una mano.

Questa mattina al tribunale di Genova in udienza hanno concluso la loro esposizione i legali degli agenti del reparto mobile imputati e ne hanno chiesto l’assoluzione.

I pm hanno chiesto per ciascuno dei quattro poliziotti che hanno picchiato il giornalista un anno e quattro mesi di reclusione. Sono accusati di lesioni gravi e aggravate in concorso.

Gli agenti imputati sono Fabio Pesci (difeso dall’avvocato Paolo Costa), Stefano Mercadanti e Luca Barone (difesi dall’avvocato Rachele De Stefanis) e Angelo Giardina (difeso dagli avvocato Rachele De Stefanis e Sandro Vaccaro).

Il processo si svolge a porte chiuse e con rito abbreviato e già questo fatto comporta uno sconto di pena in caso di condanna.

In occasione delle altre udienze il sindacato dei giornalisti Fnsi, l’associazione ligure e vari colleghi avevano organizzato un presidio davanti a palazzo di giustizia. Presidio che oggi, per evitare assembramenti nel periodo covid e con la Liguria “in zona arancione”, si è svolto simbolicamente on line.