Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Neve, in valle Stura ancora allerta gialla per tutta la giornata di lunedì 4 gennaio

Diramata dalla protezione civile sulla base del bollettino meteo di Arpal. Sul resto della regione possibili piogge e grandinate

Più informazioni su

Genova. Continua la fase di tempo instabile sulla Liguria. La valutazione delle uscite modellistiche odierne ha portato il Centro Meteo Arpal ad emanare per tutto il giorno di DOMANI, LUNEDÌ 4 GENNAIO (dalle 00 alle 00) sulla zona D (dalla val Bormida alla valle Stura) l’ALLERTA GIALLA PER NEVE.

Nelle scorse ore precipitazioni intermittenti, nevose nell’entroterra, piovose in costa, hanno continuato a interessare la Liguria; a levante le raffiche di vento più forti (Fontanafresca sopra Sori 111 km/h, Casoni di Suvero 105 km/h), nella norma del periodo le minime (-5.1 a Poggio Fearza, -3.1 monte Settepani, -2 a Pratomollo, -1.1 monte Penello), mentre stanno momentaneamente salendo le massime, anche in pianura (alle ore 12.00 i termometri Omirl misuravano 13.1°C Calice Ligure, 12.7 Sciarborasca, 12.5 Levanto, 6.9 Crocefieschi, 6.6 Dego).

Lo scenario meteorologico è dominato dalla presenza di un minimo al largo della Costa Azzurra, la cui traiettoria non è identificata in maniera univoca dalla modellistica: a seconda del percorso che seguirà, varieranno i possibili scenari. La previsione più probabile vede ancora nelle prossime ore rovesci sparsi sul territorio della Liguria, in un contesto di cielo coperto alternato a momentanee schiarite, con il rischio di grandinate locali per la presenza di aria più fredda in quota.

Generica

Dalla serata odierna le precipitazioni dovrebbero essere più probabili a ponente, dove le temperature andranno scendendo, soprattutto in val Bormida. Anche nell’interno dell’imperiese e sulla val d’Aveto sarà possibile veder cadere ancora della neve, intorno ai 700/800 metri: il vento da nord est sembra spostare le precipitazioni più sul centro-ponente, con la valle Scrivia, caratterizzata dallo zero termico oscillante fra 1000 e 400 metri, naturale punto di collegamento fra le diverse quote neve, più alte a levante, più basse a ponente.

Domani mattinata avremo ancora una pausa seguita nel pomeriggio da una nuova intensificazione dei fenomeni, che verrà meglio inquadrata con le valutazioni di lunedì mattina.