Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Municipi, la ‘controproposta’ dei territori per implementarne le funzioni

Una lettera con le proposte è stata inviata al sindaco e ai gruppi consiliari da 6 presidenti di municipio

Più informazioni su

Genova. Dopo le polemiche di questi giorni sulla riforma dei municipi che nella delibera di proposta della giunta Bucci al consiglio comunale ne svuoterebbe diverse competenze, i presidenti di 6 municipi su 9 questa mattina hanno inviato un documento al sindaco di Genova Marco Bucci, al segretario e al direttore generale di Tursi e a tutti i gruppi consiliari comunali.

Il documento, dopo aver analizzato la storia del decentramento e la situazione attuale, rielabora la proposta contenuta nella delibera con una ‘controproposta’ che punta a implementare le funzioni dei Municipi, considerati anello di congiunzione fondamentale tra i cittadini e le istituzioni.

Tra le proposte di modifica del comma 3 dell’articolo 60 dello Statuto del Comune di Genova che indica le funzioni dei municipi c’è quella di “assegnare ai municipi i seguenti servizi di interesse locale: i servizi demografici, i servizi sociali e le prestazioni sociali a rilevanza sanitaria, da individuarsi in sede regolamentare, i servizi educativi – scolastici compresa l’area di età da 0 a 6 anni; le attività e i servizi culturali, sportivi e ricreativi, in ambito locale; le attività di manutenzione ordinaria, incluse quelle sulle aree verdi, e quelle di manutenzione straordinaria che non prevedono progettazione e procedure autorizzative di particolare complessità da individuarsi in sede regolamentare, compresa la capitalizzazione Aster sul territorio e la programmazione delle priorità concordata con le direzioni comunali inerenti gli interventi sul territorio realizzati tramite Accordi Quadro.

Ancora, “la gestione del patrimonio comunale ad uso sociale compresa la parte contrattuale-amministrativa; gli interventi di edilizia privata non soggetti a permesso di costruire, da individuarsi in sede regolamentare e la decisione sull’utilizzo degli oneri di urbanizzazione nel territorio;
h) le iniziative per lo sviluppo economico e le funzioni nei settori dell’artigianato e del commercio con esclusione della grande distribuzione commerciale. L’emissione di bandi per la gestione di locali a uso commerciale, le attività di volontariato, compreso quello di Protezione Civile”. “la viabilità su base locale ed i parcheggi in struttura, esclusi quelli di interscambio£.

Tra gli altri servizi da implementare “la determinazione della destinazione degli introiti derivanti dalla concessione temporanea di aree per orti e di locali municipali o da sponsorizzazione per eventi ed attività organizzate dal Municipio nell’ambito delle funzioni al medesimo attribuite” e “la materia di concessione di suolo pubblico, da individuarsi in sede regolamentare”.