Il Bogliasco impegna il Verona, ma finisce col cedere con 10 reti di scarto - Genova 24
A1 femminile

Il Bogliasco impegna il Verona, ma finisce col cedere con 10 reti di scarto

Le biancazzurre chiudono avanti il primo tempo, poi le venete prendono il largo

BOGCSS-1170x650

Bogliasco. Ci sono sconfitte e sconfitte. Alcune, la maggior parte, fanno molto male lasciando cicatrici profonde nell’umore e nella memoria di chi le subisce. Ma esiste anche un’altra tipo di sconfitta, quelle utili per crescere e diventare più forti e consapevoli dei propri mezzi. Ed è senza dubbio in questa ultima categoria che deve essere annoverato il 17-7 subito quest’oggi dal giovane Bogliasco guidato da Mario Sinatra al cospetto del più esperto e ambizioso CSS Verona nel quarto turno del massimo campionato femminile.

Contro la squadra che più si è rinforzata nel corso dell’ultimo mercato estivo le biancazzurre non hanno patito timori reverenziali scendendo in vasca con la grinta e la voglia necessarie per non sfigurare. La dimostrazione è arrivata soprattutto dai primi otto minuti di gioco, chiusi da Millo e compagne sopra 3-2 grazie al centro della stessa capitana e alla doppietta della sua vice Rogondino.

Una partenza bruciante che ha tuttavia funzionato da pungolo per le veronesi che dopo il primo intervallo hanno alzato i giri del proprio motore mettendo a referto due parziali identici (5-1) nei due tempi centrali. Un break decisivo per porre fine alle ostilità con ampio anticipo e rendere di fatto inutile un quarto tempo giocato a quel punto soltanto per dovere regolamentare.

Tra le note positive da segnalare l’ennesima prova sopra le righe di Carlotta Malara, autrici di diverse grandi parate, e di Rosa Rogondino, ancora una volta top scorer bogliaschina con le sue tre reti personali. Di Millo, Rosta, Mauceri e Amedeo le altre esultanze delle liguri

“Se guardo il punteggio è chiaro che una sconfitta così ci fa male – commenta a fine gara coach Mario Sinatra – perché al di là del valore dell’avversario prendere un 17-7 in casa non è mai piacevole. Tuttavia se sappiamo analizzarla a mente fredda e cogliere gli spunti più importanti che questa partita ci ha fornito sono convinto che una sconfitta come questa non possa farci che bene. È chiaro che noi siamo una squadra molto giovane e di fronte avevamo ragazze che potevano tranquillamente essere le madri di molte mie atlete. Questi aspetti inevitabilmente in vasca li paghi e il punteggio ampio sta lì a dimostrarlo. Comunque sono contento soprattutto per l’approccio ottimo che abbiamo avuto a questa gara. Peccato solo esserci un po’ smarrite con il passare dei minuti”.

Il tabellino:
Bogliasco – CSS Verona 7-17
(Parziali: 3-2, 1-5, 1-5, 2-5)
Bogliasco: Malara, Lombella, Rosta 1, Cuzzupè, Mauceri 1, G. Millo 1, Santinelli, Rogondino 3, Paganello, Carpaneto, Franci, Amedeo 1, Sokhna. All. Sinatra.
CSS Verona: Nigro, Esposito 3, Peroni 1, Zanetta, Borg 2, Alogbo 3, Marcialis 1, Perna 1, Gragnolati 3, Prandini, Bianconi 3, Carotenuto, Donadio. All. Zaccaria.
Arbitri: Cavallini e Savarese.
Note: Nessuna giocatrice uscita per limite di falli. Superiorità numeriche: Bogliasco 1/7 + 2 rigori e Verona 5/9 + 3 rigori. Nigro (V) para un rigore a Millo a 2’27 del terzo tempo. Bianconi (V) fallisce un rigore (palo) a 7’19 del terzo tempo.

leggi anche
MAGGI
Serie a1 femminile
Bogliasco, Elena Maggi: “Proveremo a fare la nostra partita, giocando con voglia e determinazione”