Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa-Bologna 2-0, tre punti preziosi e prestazione convincente per i ragazzi di Ballardini risultati fotogallery

Di Zajc nel primo tempo e Destro nella ripresa le reti per il Grifone

Genova. Vittoria fondamentale per il Genoa. Un 2-0 contro un Bologna che non gioca male, ma è poco concreto. Di Zajc nel primo tempo e di Destro nel secondo le reti degli uomini di Ballardini. Prestazione di squadra molto convincente, soprattutto nella ripresa e nonostante i cambi, probabilmente obbligati, di Criscito e Behrami. Il Genoa sale così a 14 punti agganciando momentaneamente Spezia e Cagliari.

Primo tempo. Consueto 3-5-2 per Ballardini, che sceglie Destro e Shomurodov come coppia offensiva e schiera Bani esterno di difesa con Radovanovic centrale. Per Mihajlovic l’ex Palacio è l’unica punta, supportato dal trio Orsolini, Soriano, Vignato.

Sarà per il freddo forse – la tramontana sferza il campo – ma le squadre partono subito forte.

Il Genoa sfiora subito la rete con Destro dopo 30 secondi: l’attaccante si trova la palla tra lui e Da Costa, ma la conclusione d’esterno a superare il portiere viene bloccata.

Il Bologna fa più possesso, ma è il Genoa a essere più pericoloso quando riparte: velo di Destro, Criscito prende la rincorsa e prova il sinistro dalla distanza: Da Costa respinge coi pugni.

La partita è vivace, il Bologna prende campo: Orsolini e Tomiyatsu creano scompiglio sulla fascia sinistra del Genoa, dove Criscito e Masiello riescono a tamponare: solo al 33′ il “gioiellino” del Bologna riesce a liberarsi di entrambi e a tentare il tiro, ma Perin vola sopra la traversa e mette in angolo (33′).

Gli emiliani mancano in concretezza, nonostante non si possa dire che stiano giocando male. Merito anche della diga creata da Badelj e Behrami, che impendiscono agli uomini di Mihajlovic di provare soluzioni centrali.

Il Genoa torna a pungere al 37′ cioè quando riesce ad attaccare almeno con tre elementi in velocità: Zajc serve Destro che prova l’assist per Shomurodov che però non ci arriva. L’uzbeko si fa ampiamente perdonare al 44′ dando il via all’azione che sblocca la partita: se ne va palla al piede su Paz palla in mezzo per Zappacosta che la tira su Da Costa vanificando il tentativo di Dominguez, sulla respinta arriva Zajc che insacca mettendo nell’angolino destro.

Secondo Tempo. Entrano Ghiglione per Criscito ed Eyango (un 2001, che aveva esordito a Verona) per Behrami. Zappacosta va a giocare a sinistra. Il Genoa parte con maggiore convinzione, galvanizzato dal gol, mentre il Bologna sembra aver perso brillantezza. Il Grifone sfiora il raddoppio già al 52′: calcio piazzato di Zajc e colpo di testa di Bani di poco alto. La rete arriva tre minuti dopo e il Genoa deve ringraziare la “dormita” di Schouten sulla pressione del neoentrato Eyango: palla che arriva a Destro solo davanti a Da Costa. L’attaccante non sbaglia.

Mihajlovic cambia: dentro Barrow che va a supportare l’attacco, ma l’unico tiro che arriva dalle parti di Perin è quello rasoterra di Soriano, bloccato senza problemi (73′).

Ballardini richiama Eyango che ha fatto un buon lavoro, ma con i cambi del Bologna sembrava riuscire a coprire meno, e si affida alla maggiore esperienza di Lerager. Radovanovic viene graziato su un fallo che potrebbe costargli l’espulsione. Il Genoa è comunque in controllo della partita con Destro che si dimostra davvero preziosissimo anche in copertura. Unici rischi all’87’ con Tomiyatsu che quasi per caso si ritrova il pallone tra i piedi sugli sviluppi di un calcio piazzato e la mette alta e al 90′ su calcio piazzato di Barrow a un soffio dall’incrocio dei pali.

Genoa-Bologna 2-0

Reti: 44′ Zajc; 55′ Destro

Genoa: Perin, Bani, Radovanovic, Masiello, Zappacosta, Behrami (46′ Eyango, 74′ Lerager), Badelj, Zajc, Criscito (46′ Ghiglione), Shomurodov (81′ Pjaca), Destro (86′ Melegoni).

A disposizione: Marchetti, Paleari, Scamacca, Sturaro, Rovella, Dumbravanu, Czyborra.

Allenatore: Ballardini

Bologna: Da Costa, Tomiyatsu, Danilo, Paz (81′ Poli), Hickey (60′ Dijks), Schouten (60′ Barrow), Dominguez, Orsolini (74′ Skov Olsen), Soriano, Vignato, Palacio (81′ Rabbi).

A disposizione: Molla, Breza, Arnofoli, Baldursson, Calabresi, Vergani, Khailoti.

Allenatore: Mihajlovic

Arbitro: Doveri di Roma 1

Ammoniti: Radovanovic, Ghiglione (G)