Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Furto di dati ai clienti di Ho Mobile, assalto ai negozi di telefonia per sostituire la Sim

Sistemi informatici in tilt, decine di persone in coda. Si rischia la clonazione del numero di telefono

Più informazioni su

Genova. L’operatore telefonico Ho Mobile – in pratica il brand low cost di Vodafone – ha annunciato di essere stato vittima di un attacco informatico che ha portato al furto dei dati di alcuni clienti in Italia. La conferma è arrivata oggi dopo le notizie trapelate negli ultimi giorni del 2020. E anche a Genova è assalto ai negozi di telefonia per sostituire le schede Sim e proteggersi da eventuali rischi legati alla possibile clonazione del numero di telefono.

“Ti scriviamo per informarti che purtroppo ho. Mobile, come numerose altre aziende, è rimasta vittima di crimini informatici che si sono intensificati durante la pandemia – è il testo del messaggio ricevuto oggi da alcuni clienti -. Da analisi approfondite, tuttora in corso e in stretta collaborazione con le autorità inquirenti, è emerso che è stata sottratta illegalmente una parte dei tuoi dati con riferimento solo ai dati anagrafici e dati tecnici della tua Sim“.

L’azienda assicura che “non c’è stata alcuna sottrazione di dati di traffico” né “di dati bancari o relativi ai tuoi sistemi di pagamento” e garantisce: “Abbiamo immediatamente attivato ulteriori e nuovi livelli di sicurezza per mettere tutti i clienti al riparo dalla minaccia di potenziali frodi”. Allo stesso tempo, però, si propone la sostituzione gratuita della Sim presso i punti vendita autorizzati. Il rischio è quello di attacchi del tipo Sim swap, cioè clonazione della scheda telefonica e accesso a tutti quei servizi basati sul numero di telefono.

Così lunghe code si sono formate fuori dai negozi abilitati in varie zone di Genova. Secondo quanto segnalato da una nostra lettrice in coda a San Fruttuoso, i sistemi informatici sono andati in tilt e le sostituzioni sono rimaste bloccate per gran parte del pomeriggio aumentando ulteriormente i disagi. In via Torti è intervenuta anche la polizia per distanziare le persone.