Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fridays for Future: “Solo 5,4% del recovery fund è per l’ambiente. Inaccettabile greenwashing”

"Siamo delusi": questo il messaggio degli attivisti a tutte le istituzioni liguri e cittadine

Più informazioni su

Genova. “Sono passati due anni da quando siamo scesi in piazza per la prima volta e noi ci sentiamo ancora come allora: delusi e derubati del nostro futuro.Siamo diventati milioni, abbiamo saltato scuola riempiendo le strade del mondo per chiedere un’ovvietà; che la politica agisca nel modo più competente per contenere la crisi climatica e ambientale, perché è davvero un’emergenza. Ma non ascoltano né noi né la scienza: la classe politica sta continuando a pensare solo alla crescita economica, con al massimo un po’ di greenwashing”.

Queste le dure parole degli attivisti di Fridays for Future, che a due anni dal primo passo del movimento, danno vita al coordinamento regionale “per essere ancora più uniti e dirvi che vi stiamo osservando mentre decidete del nostro futuro”. Un bilancio quindi non positivo, nonostante in questi mesi praticamente tutte le istituzioni abbiamo aperto le porte ai ragazzi di FFF: ma dalle parole, i fatti sono stati pochi.

“Martedì 19 gennaio si terrà il primo Consiglio Regionale monotematico sul ​Recovery Fund​: non accettiamo quel misero 5,4% per la transizione ecologica, Italia ed Europa hanno delineato un 37% dei fondi affinché venga trattata come una priorità, non accettiamo compromessi e vogliamo che questo tema venga affrontato con il massimo ​impegno e competenza ​dai nostri rappresentanti politici. Avrete gli occhi di tutti noi, i vostri figli, puntati addosso: non deludeteci ancora. Venerdì 15 gennaio ore 16.00 saremo in piazza De Ferrari per il primo presidio FFF Liguria, seguirà un mail bombing in occasione del Consiglio Regionale”