Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Folla nelle vie dello “struscio” e sulla neve, da domani non si può uscire dal Comune foto

In questo sabato di sole presi d'assalto anche spot come Praglia, al Faiallo alla val D'Aveto. Già scattato il divieto di asporto dalle 18

Più informazioni su

Genova. L’ultimo giorno in “zona gialla” è stato baciato dal sole e questo ha spinto i liguri e i genovesi, anche per questioni psicologiche, ad approfittarne. Un sabato di vita quasi normale, almeno rispetto a quello che ci aspetta nei prossimi 15 giorni – tra le misure più pesanti la chiusura dei pubblici esercizi anche a pranzo e durante il giorno e il divieto di spostamento fuori comune con deroghe solo per quelli sotto ai 5000 abitanti – e anche se con mascherine e comportamenti cauti non si può dire che siano mancati i cosiddetti assembramenti.

Via XX Settembre, via San Vincenzo e dintorni. Molti giovani, famiglie, pensionati a passeggio nelle vie dello struscio e dello shopping. Qualcuno anche da fuori città, magari per qualche acquisto impossibile nei piccoli centri di provincia. Pochissimi i controlli, almeno rispetto ai periodi pre-natalizi quando, per strada, c’erano forse anche meno persone di oggi. Si spera che per i negozi sia stata una boccata d’ossigeno.

Pienone anche nelle località di montagna: tutti alla ricerca della neve tra Faiallo, Praglia, la Val Trebbia e la Val d’Aveto. Sulla strada del Beigua una fila di auto che neppure a metà luglio sulla Aurelia.

Niente di illegale, niente di non umanamente comprensibile: tutti hanno fatto quello che potevano fare nella cornice del dpcm. Da domani non si può più uscire dal Comune, almeno per 15 giorni. Fino al 15 febbraio resta il divieto di spostamento tra Regioni, anche se dovessimo tornare gialli. E da domani niente spuntini e colazioni al bar, niente pranzi al ristorante, niente aperitivi-merenda.

Il senso di questo articolo? Raccontare, semplicemente, un pezzo di realtà perché chiunque si sia trovato in uno di questi posti affollati, probabilmente, si sarà fatto qualche domanda sugli effetti e l’efficacia di controlli, regole, divieti e concessioni al di là delle zone colorate, dei periodi di festa, dei weekend o delle sanzioni previste in caso di trasgressione.