Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cinema Nazionale di Molassana, la proprietà: “Aperti anche alla vendita, ma serve una proposta vera”

Smentite le affermazioni arrivate in consiglio regionale: "Vogliamo che intervenga il pubblico che garantisca la funziona sociale della struttura"

Genova. “La porta è aperta per ogni tipo di trattativa, siamo disposti anche alla vendita purchè questo edificio venga preservato e rimanga nella sua funzione pubblica per tutto il quartiere“. Queste le parole di Michele Paccione, uno dei proprietari del Cinema Nazionale di Molassana, la storica struttura costruita negli anni della guerra, diventata poi uno dei simboli della Val Bisagno ma che da anni è abbandonata al degrado.

“Noi stiamo cercando di preservarla in tutti i modi – racconta Paccione – ma purtroppo in questi anni i vincoli sulla struttura ci hanno impedito di intervenire in maniera più corposa. Abbiamo avuto diverse offerte dai privati, ma preferiremmo intervenisse il pubblico al fine di garantire la suo originaria funzione”. Funzione pubblica e territoriale rivendicata anche a gran voce dai cittadini della vallata, che in questi mesi hanno dato vita a diverse iniziative per il recupero della struttura, e che si stanno organizzando per portare avanti questa battaglia.

“Abbiamo avuto dei contatti con il Comune, ma mai nulla di concreto – sottolinea Paccione – ma noi siamo ancora qua ad aspettare, nel caso siamo anche disponibili a ragionare su altre forme di utilizzo, come il comodato. Insomma, stiamo aspettando che qualcuno arrivi con una proposta vera”. Nei giorni scorsi in consiglio regionale non è stata approvata una mozione, presentata da Linea Condivisa, per l’intervento dell’ente nella trattativa: la bocciatura è arrivata in seguito ad una dichiarazione di una consigliera della maggioranza che parlava di indisponibilità alla trattativa della proprietà: “Assolutamente non vero”, conclude Paccione”.

Un’occasione da non perdere assolutamente – commenta il presidente di Municipio Roberto D’Avolio – non solo per il territorio di Molassana ma per tutta la città. Spiace che in regione non si sia colta questa opportunità per disattenzione e superficialità. Nel lista della spesa per il Recovery Fund abbiamo visto inserire di tutto, e soprattutto grandi progetti fermi per colpa della politica, ma per i territori e i quartieri, soprattutto per i progetti che riguardano la collettività e il pubblico, i soldi non si trovano mai