Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Auto e portoni danneggiati ma anche furti e aggressioni: arrestato il vandalo seriale di Sampierdarena

Non ha precedenti penali ma ha subito in passato un tso. Viveva in un rifugio di fortuna sotto la rampa delle sopraelevata

Più informazioni su

Genova. Il reparto giudiziaria della polizia locale ha arrestato su ordinanza del gip del tribunale di Genova, su richiesta del procuratore aggiunto Paolo D’Ovidio, il trentottenne camerunense che nei mesi scorsi ha terrorizzato con azioni violente il quartiere di Sampierdarena.

La misura è stata decisa in seguito alla rapina commessa in via D’Azeglio il 22 novembre scorso quando l’uomo ha aggredito due persone, malmenando una donna e mordendo un uomo talmente forte da farlo finire al pronto soccorso dell’ospedale Villa Scassi con 10 giorni di prognosi.

In quell’occasione, il trentottenne stava rubando un paio di pantaloni stesi al piano basso di un palazzo quando è stato visto da una passante che era intervenuta gridandogli di smetterla. Lui le ha sputato addosso, quindi la ha presa a ceffoni, colpendola due volte, infine le ha dato un pugno. In aiuto della vittima è corso un ragazzo che l’ha sentita gridare da casa ed è sceso in strada arrivando proprio quando l’aggressore stava per picchiare di nuovo la donna. A quel punto il camerunense si è avventato su di lui, mordendolo a un polso fino a farlo sanguinare, per poi dileguarsi.

Oltre a questo episodio a carico del 38enne ci sono una serie di denunce per danneggiamenti di veicoli, portoni e beni di attività economiche commessi nel corso dei mesi a partire dall’aprile scorso. Gli uomini della polizia locale hanno ricostruito i movimenti dell’uomo, che è regolarmente residente in Italia, trovando il posto dove andava a dormire, sotto la rampa della sopraelevata dove aveva allestito un rifugio di fortuna.

L’uomo non ha precedenti penali, ma ha subito in passato un trattamento sanitario obbligatorio. L’assessore alla sicurezza, Giorgio Viale, si è dichiarato molto soddisfatto dell’operazione di polizia: “Fermare questo soggetto era un atto dovuto nei confronti dei tanti cittadini che purtroppo hanno subito danni dallo stesso, ringrazio per l’impegno e l’ottimo lavoro svolto il reparto Giudiziaria della PL di Genova” .