Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Serie A1: domani Salerno-Quinto, scontro diretto per passare il turno

Le due squadre si contendono il secondo posto nel girone A alle spalle della Pro Recco

Genova. Se non è la gara di andata di una finale, in fin dei conti poco ci manca. Domani pomeriggio l’Iren Genova Quinto sarà in scena, fischio d’inizio alle ore 15, nella vasca della Rari Nantes Salerno per la seconda giornata del campionato di Serie A1, valida per il girone A. I biancorossi e i campani, infatti, si giocano il secondo posto nel gironcino alle spalle della corazzata Pro Recco, l’ultimo disponibile per accedere alla fase finale per lo scudetto e quindi evitare di restare invischiati nel raggruppamento che invece decreterà la retrocessione in Serie A2.

Una sfida infinita, quella fra Iren Genova Quinto e Rari Nantes Salerno, iniziata tre anni fa proprio in Serie A2 quando le due squadre si affrontarono in finale playoff per la promozione: vittoria del Salerno, ad Albaro, successo della formazione genovese a Salerno e quindi bella in favore dei ragazzi guidati da Luccianti.

Bittarello e compagni ieri mattina si sono sottoposti, in ossequio al protocollo disposto dalla Fin, d un altro giro di tamponi, che non ha evidenziato casi di positività al coronavirus.

“È vero, con il Salerno ci giocheremo una bella fetta del nostro campionato, inutile negarlo – commenta il tecnico biancorosso Gabriele Luccianti -. Per questo chiederò ai miei ragazzi una ‘partita perfetta’: dovremo essere attenti e ben coperti in difesa, senza concedere spazi ai nostri avversari, per poi cercare di sfruttare ogni loro errore per andare a segno. La gara con la Pro Recco, in questo senso, è stata l’‘allenamento’ più probante che potessimo svolgere”.

Tuttavia l’allenatore non nasconde certo le difficoltà della gara di sabato. “Arrivare secondi nel girone significherebbe essere salvi già a gennaio, un traguardo non da poco – prosegue Luccianti -. Attenzione, però, perché il Salerno è una buona squadra, che ha saputo ottenere meritatamente la promozione e poi consolidarsi in Serie A1 per quello che si è potuto giocare, e vanta alcuni elementi davvero temibili, in grado di fare la differenza. Sarà uno scontro che però si giocherà su otto tempi di fatto, vista anche l’importanza che rivestirà, alla fine, la differenza reti”.