Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria-Milan 1-2, i blucerchiati si svegliano troppo tardi risultati fotogallery

Il gol che accorcia le distanze arriva all'82'. Primo tempo troppo di copertura per la squadra di Ranieri

Genova. La Sampdoria si risveglia troppo tardi ed esce sconfitta dal Ferraris contro il Milan che con questa vittoria mantiene il primo posto distanziando nuovamente l’Inter di cinque punti. Finisce 1-2. Dopo un primo tempo di sofferenza, ma di sostanziale tenuta, il calcio di rigore con cui il Milan va in vantaggio al 45′, sgonfia un po’ la squadra di Ranieri. Nella ripresa la Sampdoria cresce, ma non riesce a rendersi quasi mai pericolosa prima del raddoppio del Milan a cura del neoentrato Castillejo. La riscossa blucerchiata parte quando manca poco tempo: Ekdal accorcia le distanze all’82’. Due i cambi obbligati per Ranieri: Bereszynski si fa male al 17′, Gabbiadini al 52′.

Primo tempo. Sampdoria in campo con la maglia dei 120 anni dell’Andrea Doria. Candreva a sinistra, Jankto a destra. Questa una delle novità di Ranieri per affrontare la capolista. Coppia d’attacco Gabbiadini-Quagliarella in un 4-4-2 che ha in Tonelli e Ferrari la coppia centrale di difesa. Nel Milan il vertice offensivo del 4-2-3-1 di Pioli è Rebic.

Buona partenza per la Sampdoria, Kessie per poco non fa un patatrac già al 5′ Kessie, scivola a centrocampo e rischia di far partire Gabbiadini in un contropiede pericolosissimo. Il centrocampista rossonero rovina a terra, atterrando l’attaccante doriano: è subito cartellino giallo.

Tre minuti dopo la Sampdoria sfiora la rete con Tonelli: dopo una serie di rimpalli scaturiti da un corner, il difensore colpisce di testa e Donnarumma con un gran colpo di reni salva il risultato (8′).

Il Milan risponde con una grande azione in velocità e di prima sulla destra al 12′: Calabria- Saelemakers-Rebic tiro respinto da Ferrari.

Tegola sulla Sampdoria al 17′ Bereszynski si fa male ed esce dal campo ancora prima che arrivi il cambio: al 19′ entra Colley, Ferrari va a destra e Augello a sinistra, ma nel frattempo il Milan spreca con Diaz, che cincischia e dà palla a Rebic sulla sinistra quando ormai è troppo tardi, per fortuna della Sampdoria: il diagonale è debole e facile preda di Audero.

Dopo un inizio vivace la Samp non riesce più a uscire, spesso perde palla a centrocampo e rischia di capitolare al 39′: lancio di Hernandez per Rebic che si incunea nel cuore dell’area, il tiro scavalca tutti, ma ci pensa Tonelli a salvare tutto: riesce contemporaneamente a tenere a distanza lo stesso Rebic pronto a ribadire in rete e a toccare il pallone prima che superi completamente la linea di porta.

Il fortino blucerchiato però cade al 45′ su calcio di rigore battuto da Kessie: Jankto tocca con la mano in area di rigore mentre salta di testa. Calvarese fischia e il Milan passa in vantaggio. Il primo tempo si chiude con un possesso palla rossonero del 70%.

Secondo tempo. Nella ripresa la Samp inserisce Ekdal e Damsgaard per i due ammoniti Silva e Jankto. Candreva torna a destra. Pioli invece sostituisce Diaz con Hauge. Proprio lui serve Tonali al 48′ nell’azione che porta il Milan a colpire il palo con un esterno rasoterra velenoso. La Sampdoria alza il baricentro e butta in mischia La Gumina perché Gabbiadini accusa un problema fisico. La partita ora è più equilibrata, ma sono poche le occasioni vere. Una di queste arriva al 69′: uno dei rari cross di Candreva arriva a destinazione sulla testa di Thorsby, palla alta di pochissimo.

Dentro Castillejo per Saelemakers (76′) e non passa neanche un minuto e proprio lui segna il raddoppio. Ancora un’azione rapida con il Milan che sfrutta il grande movimento senza palla dei suoi: Hauge verticalizza per Rebic, palla in mezzo e per lo spagnolo è facile appoggiare in rete. Il Milan potrebbe segnare il terzo gol all’80’ con Rebic al volo, ma la palla di Calabria non è facile, è alta e veloce. Dentro Leris per Augello e nello stesso minuto la Samp accorcia le distanze: corner di Candreva, colpo di testa di Ekdal, Donnarumma non è impeccabile e praticamente si porta il pallone in rete. L’assalto finale si traduce in un’unica palla che ancora Ekdal di testa non riesce a girare in rete proprio allo scadere del recupero. Samp, dunque,che resta a 11 punti.

Sampdoria-Milan 1-2

Reti: 45′ Kessie (R); 77′ Castillejo; 82′ Ekdal

Sampdoria: Audero, Bereszynski (19′ Colley), Ferrari, Tonelli, Augello (82′ Leris), Candreva, Silva (46′ Ekdal), Thorsby, Jankto (46′ Damsgaard), Quagliarella, Gabbiadini (57′ La Gumina).

A disposizione: Ravaglia, Letica, Rocha,Verre, Ramirez, Regini, Yoshida.

Allenatore: Ranieri

Milan: Donnarumma, Calabria, Gabbia, Romagnoli, Hernandez, Tonali, Kessie, Saelemakers (76′ Castillejo), Diaz (46′ Hauge), Chalanoglu (90′ Krunic), Rebic.

A disposizione: Tatarusanu, Donnarumma A., Dalot, Conti, Kaulu, Maldini, Colombo, Duarte, Mionic.

Allenatore: Pioli

Arbitro: Calvarese di Teramo

Ammoniti: Silva, Jankto (S); Kessie (M)