Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rotonda di Carignano, tre proposte al Comune in attesa della gara vera e propria

"Il progetto non è fermo", assicura l'assessore ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi. La seconda fase dovrebbe chiudersi prima di Natale

Più informazioni su

Genova. “Il progetto va avanti, non è fermo”. Lo assicura l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Genova, Pietro Piciocchi, parlando della riqualificazione della cosiddetta Rotonda di Carignano un’area di 13 mila metri quadri di proprietà del Comune tra la parte terminale di via Corsica e via Fiodor.

Il bando per le manifestazioni di interesse è scaduto il 10 agosto scorso e agli uffici comunali sono arrivate tre proposte – già una buona notizia – inoltre la commissione che dovrà giudicarla è stata nominata mesi fa per analizzare le proposte e mandare gli inviti alle imprese interessate per la gara vera e propria. Questa seconda fase di progetto dovrebbe concludersi entro Natale.

L’obbiettivo dell’amministrazione è duplice: da una parte valorizzare la terrazza di piazzale San Francesco D’Assisi, dove recentemente è stata collocata la statua del Duca di Galliera Raffaele De Ferrari, dall’altra creare nuovi spazi verdi fruibili dai cittadini e riqualificare la zona nell’ambito del più ampio progetto del Waterfront Levante.

La contropartita economica per i privati intenzionati a investire sta nel piano urbanistico comunale che prevede, per quell’area, anche la possibilità di realizzare parcheggi e un distributore di carburante.

Il comparto ha complessivamente superficie di circa 13.100 mq ed è costituito da sotto-aree identificabili in:
A – Area a ponente della rotonda panoramica con superficie pari a circa 7.400 mq;
B – Il piazzale S. Francesco d’Assisi (rotonda panoramica di Carignano) di circa 1.900 mq;
C – area a levante della rotonda panoramica di circa 2.200 mq.
D – Il Poggio della Giovine Italia con superficie di circa 1.600 mq.