Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Parco del Beigua, lo scempio dei prati usati per derapate e “freni a mano” fuori strada

La denuncia delle guardia ambientali dei Wwf: "Chiaro l'intento di danneggiare il manto erboso"

Genova. I manti erbosi danneggiati dal continuo passaggio di fuoristrada o auto ‘in derapata’: questo lo spettacolo scoperto dalle guardie ambientali del Wwf, che durante un sopralluogo hanno documentato lo scempio fatto sui grandi prati del parco del Beigua, dove in moltissimi in questi giorni hanno scoperto le gioie della neve a due passi da casa.

I danni più vistosi sono stati riscontrati nelle località Piccolo Ranch nel comune di Varazze all’interno del Parco Naturale Regionale del Beigua nonché in Zona Speciale di Conservazione. Dagli accertamenti svolti le guardie ambientali-venatorie del Wwf Savona hanno rinvenuto “una situazione di alterazione dello stato dei luoghi dovuta al danneggiamento del manto erboso coperto dalla recente nevicata e provocato dal ripetuto ed incessante transito di mezzi a motore (autoveicoli 4×4) in fuoristrada. A seguito di quanto già denunciato gli scorsi anni, è stato accertato un ulteriore danno alle aree prative, tutelate e classificate come habitat di praterie”.

Con buone probabilità, vista la neve e la viscosità dell’area, non è escluso che i prati siano stati utilizzati per fare derapate e drifting: “Si ipotizza, visto il ripetuto passaggio, la chiara volontà di danneggiamento del manto erboso in quanto i tracciati dei passaggi, hanno assunto una forma circolare in maniera ripetuta. Sono in corso gli accertamenti al fine di individuare i responsabili di tali gesti”.

Wwf danni prati beigua

Le guardie Wwf hanno presentato denuncia presso la Procura della Repubblica di Savona e trasmesso la comunicazione agli altri enti competenti. Visto gli episodi simili già verificatesi in passato nella stessa area, in particolare durante il periodo invernale, le guardie Wwf hanno comunicato agli enti preposti “la necessità di videosorvegliare tali aree ricadenti all’interno dell’area del Parco Naturale Regionale del Beigua”.