Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Nel 2021 torna il campionato internazionale di pesto al mortaio, concorrenti anche dalle Hawaii

La finalissima si terrà a Palazzo Ducale il 20 marzo. Nell'anno del covid la salsa è stata citata sui social 130 mila volte

Più informazioni su

Genova. Dopo la pausa dovuta al Coronavirus nel 2020, riparte il Campionato Mondiale di Pesto Genovese al Mortaio, alla sua ottava edizione dopo un anno di fermo e dopo essere diventato un marchio di proprietà della Camera di Commercio di Genova.

La finalissima si terrà a Palazzo Ducale il 20 marzo 2021. I 100 concorrenti e 30 giudici che erano stati selezionati nel 2020 sono confermati e verranno ricontattati. Chi non potesse più partecipare verrà sostituito dalle riserve (le domande di partecipazione allora furono circa 300). Le attività collaterali tradizionali, dal “Campionato dei Bambini”, alla “Settimana del Pesto” con i ristoratori, alla didattica con le principali associazioni liguri dell’agroalimentare, al Pesto Party, sono al momento confermate.

“Dopo 14 anni e la terribile pandemia da Coronavirus, il Campionato Mondiale di Pesto resta la manifestazione dinamica e vitale che abbiamo voluto e conosciamo – dice l’ideatore del Campionato Roberto Panizza – non è nato solo per fare festa ma per essere il messaggero delle nostre eccellenze nel resto d’Italia e in giro per il mondo. Anche quest’anno, se non avremo problemi da pandemia come speriamo, la presenza internazionale sarà nutrita con rappresentanti da almeno 15 paesi e campioni che arriveranno da Honolulu fino ai vicoli del centro storico”.

La salsa genovese, citata 130 mila volte dall’inizio della pandemia ad oggi in tutto il mondo (articoli, servizi, news, social), rappresenta il più forte veicolo di suggestione dell’alimentazione ligure e trascina con sé l’immagine dell’identità culturale e della qualità della vita della Liguria e del suo capoluogo.

Dal 2019 il marchio è della Camera di Commercio di Genova, il cui segretario generale Maurizio Caviglia commenta: “Oggi sentiamo ancora di più la responsabilità di mandare avanti un progetto che ha rinvigorito la tradizione del pesto al mortaio, rafforzato l’identità dei genovesi e dei liguri e fatto parlare di noi in tutto il mondo”.

Continua l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Liguria Andrea Benveduti: “La valorizzazione del territorio, delle imprese locali e delle tradizioni è un capitolo strategico per la nostra regione. Anche quest’anno abbiamo sostenuto economicamente la promozione dei sapori liguri”.

Fra le iniziative collaterali si aggiunge una iniziativa del tutto nuova, che parte oggi: il concorso internazionale di cartoon “Pestochampionship Mascot” che si pone l’obiettivo di individuare il testimonial virtuale del Campionato e delle sue iniziative promozionali in Italia e all’estero. Al concorso potranno partecipare professionisti, dilettanti e appassionati di disegno e grafica di tutto il mondo.

“Lanciando l’idea del concorso – spiega l’assessore al Commercio e Grandi Eventi del Comune di Genova Paola Bordilli – vogliamo dare ulteriore forza alla comunicazione del Campionato del Pesto, un evento che rappresenta senza dubbio un volano di promozione per la città intera. Il pesto made in Genova e Liguria è ormai un consolidato simbolo e ambasciatore della nostra città nel mondo e quindi può svolgere il ruolo di trascinatore anche per tutte le eccellenze dell’agroalimentare del nostro territorio, dalle produzioni tipiche alle lavorazioni di tradizione locale”.