Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Natale e Santo Stefano con vento e freddo, burrasca forte con raffiche fino a 140 km/h previsioni

Ingresso di area artica in quota e brusco calo delle temperature, ecco le previsioni meteo

Più informazioni su

Genova. Il centro meteo Arpal ha emanato l’avviso meteorologico per vento di burrasca forte a Natale e Santo Stefano: il 25 dicembre solo sul settore centrale della regione (il Savonese orientale, Genova e la costa fino al promontorio di Portofino), il 26 dicembre su tutta la Liguria. 

Già oggi, giovedì 24 dicembre, è previsto un flusso umido sudoccidentale che precede l’arrivo di un fronte freddo determina precipitazioni diffuse sul centro-levante specie sui rilievi con cumulate fino a significative su C. Tendenza ad esaurimento dei fenomeni dal pomeriggio. Venti forti (50-60 km/h) da Ovest/SudOvest sui capi del Ponente, sullo Spezzino e sui rilievi centro-orientali (possibili raffiche fino a 90/100 km/h sui crinali più esposti), localmente forti (40-50 km/h) altrove. Mare in aumento fino a localmente agitato su Tigullio e Spezzino, molto mosso altrove.

Domani, venerdì 25 dicembre, avremo un aumento dell’instabilità per l’ingresso di un nucleo di aria fredda artica in quota, con possibili rovesci o brevi temporali sparsi fino a moderati più probabili su Tigullio e Spezzino. Nel pomeriggio precipitazioni più diffuse su Levante e relativo entroterra con quota neve in calo fino a 400-500 m, possibili spolverate a quote inferiori. Accumuli anche moderati su rilievi di confine oltre 800-1000 metri. Venti settentrionali in rinforzo a burrasca forte su B con raffiche fino a 80-90 km/h. Mare localmente agitato sul settore centrale, mareggiata sul Levante in graduale scaduta. Disagio per freddo nei bacini padani.

Infine dopodomani, sabato 26 dicembre, nelle prime ore residue spolverate su Levante ed entroterra relativo. Venti settentrionali fino a burrasca forte (70-80 km/h) su tutta la regione, rafficati in particolare agli sbocchi delle valli e sui rilievi (possibili raffiche oltre 120-140 km/h sui crinali appenninici più esposti), in graduale attenuazione nel corso della giornata. Disagio fisiologico per freddo specie nelle ore notturne.