Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Medaglie, crescita e soddisfazioni: buon trimestre per Genova Nuoto

Il tecnico Davide Ambrosi traccia il bilancio

Più informazioni su

Genova. Il bilancio di questo primo trimestre stagionale, un po’ particolare, di Genova Nuoto My Sport è sicuramente positivo.

Il clima di incertezza generale ha caratterizzato e necessariamente cambiato una programmazione diversa dalle altre stagioni – è la premessa fatta dal tecnico Davide Ambrosima i risultati non sono mancati, merito soprattutto dei ragazzi che in un periodo storico sicuramente difficile per lo sport e non solo hanno reagito e si sono prontamente adattati”.

La nota sicuramente più positiva è la progressione cronometrica e la conferma a livello assoluto di Claudia Tarzia che, a quasi 24 anni, migliora i suoi primati personali in vasca da 25 nei 50 e 100 farfalla in occasione della prova regionale di inizio dicembre per poi finalizzare con il bel bronzo ottenuto ai campionati italiani assoluti in vasca da 50 con un crono che fa ben sperare in vista dei “trials” di marzo per gli Europei. Agli Assoluti, era presente anche Camilla Simicich, qualificata nei 50 e 100 dorso non ancora al top della forma.

L’età media della nostra squadra, che in questa stagione ha ‘subito’ un cambio generazionale, è molto bassa – continua Ambrosi – e proprio per questo il focus è sui tanti giovani (e giovanissimi) atleti della nostra compagine arricchita da un folto numero di ex sturlini, che hanno seguito i tecnici De Luca e Tricarico, e dal gruppo ‘levantino’ guidato da Valentina Sanguineti e Giulia Facchini nell’impianto di Sestri Levante gestito da MySport”.

Proprio i giovani sono stati protagonisti alla fase regionale della Coppa Caduti di Brema andata in scena domenica scorsa nell’impianto di casa. “Mi piace citare per i loro importanti progressi cronometrici Emanuele Giuffrida nei 100 farfalla, Filippo Rinaldi nei 1500 stile libero e 200 farfalla, Andya Mirtaj nei 400 misti e la giovanissima Ludovica Terlizzi (classe 2007) negli 800 stile libero” dice ancora Ambrosi.

Questi atleti, quasi sicuramente, otterranno la qualificazione per i Criteria nazionali che in questa stagione vedranno ai blocchi di partenza solo i primi dieci in graduatoria nazionale. “Criterio di ammissione sicuramente super selettivo ma necessario per la gestione numerica della gara in oggetto” sottolinea il tecnico.

Molto positive anche le staffette schierate che hanno conquistato quattro vittorie su quattro. Per ultimo, ma non certo meno importante, il titolo italiano assoluto di Alberto Razzetti nei 200 farfalla, trasferitosi nel giugno scorso a Livorno sotto la guida del tecnico federale Stefano Franceschi. Notevole il 200 farfalla di Alberto nuotato alla Brema: 1’52″62 ad un solo centesimo dal suo primato personale nuotato agli Europei di Glasgow un anno fa e a 10 centesimi dal record italiano assoluto di Federico Burdisso.