Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Maran: “Volevamo vincere, il Genoa sta diventando la squadra che deve essere” risultati fotogallery

Il commento del mister nel dopo partita, parla anche Mattia Destro

Genova. “La cosa bella è che siamo rientrati nello spogliatoio ed eravamo arrabbiati per questo 2-2. Abbiamo provato a vincere fino alla fine. Di fronte però avevamo il Milan che non a caso non perde da 9 mesi ed è primo”. Rolando Maran può tirare un piccolo sospiro di sollievo dopo questo pareggio del Genoa, con la sua squadra che si è vista decisamente in crescita.

“Lo avevo detto nelle partite scorse che dovevamo aggiungere delle cose per diventare una squadra completa e alcune si sono viste oggi”.

Il 4-4-2 consente una maggiore sicurezza ai suoi uomini e l’allenatore conferma che finalmente ora riesce a lavorare con la squadra in continuità, sviluppando alcuni aspetti e cercando di portare “modifiche che possono aiutare a superare le difficoltà che c’erano per far diventare il Genoa la squadra che deve essere. Vedo che i ragazzi lavorano con grande impegno e i risultati sono questi. Però ora vogliamo anche vincere”.

Nelle dichiarazioni in tv Maran evidenzia che ancora manca un po’ coraggio nella gestione della palla. “La mia volontà è di arrivare con tanti giocatori in area di rigore e avere possibilità di giocare per essere pericolosi, con una maggiore partecipazione di tutti quanti in fase di possesso. Dobbiamo solo scrollarci di dosso le ansie del momento di difficoltà vissuto”.

C’è bisogno di trovare continuità e soprattutto i giocatori non devono spaventarsi alla prima situazione negativa che capita. “Grazie a queste partite – evidenzia il mister – acquisici l’autostima che ti permette di affrontare meglio le gare successive”.

L’epidemia di Covid nella squadra ha tagliato le gambe a livello fisico e solo ora la squadra sta ricominciando ad avere la gamba giusta: “Prima siamo sempre stati in riserva, in gestione per far quadrare il minutaggio dei giocatori. Ora la squadra migliora, sta bene, dobbiamo solo migliorare la classifica”.

Il mister ha buone parole anche per Shomurodov, anche lui in crescita: “Gioca per la squadra, sa faticare e nel primo gol abbiamo visto una giocata da attaccante vero. Ora comprende meglio la lingua ed è in continuo miglioramento”.

Giornata da incorniciare per Mattia Destro, che non segnava una doppietta da tre anni: “Abbiamo fatto una grande partita, peccato per il pareggio. Abbiamo dato tutto, alla fine va bene così. Sono contento, mi sto allenando bene, il mister mi ha dato fiducia. Sono stato bravo a cogliere l’occasione”.