Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Guide alpine, Rixi (Lega): “Esenzione Iva per incentivare la montagna in sicurezza”

La proposta del Carroccio con un emendamento. Nei giorni scorsi la polemica sulle restrizioni in Valle D'Aosta

Più informazioni su

Genova. Il deputato della Lega genovese – e appassionato alpinista – Edoardo Rixi annucnia un emendamento che sarà presentato dal Carroccio alla manovra economica del governo per introdurre l’esenzione dall’Iva per chi svolga il lavoro di guida alpina.

“Molto spesso i frequentatori della montagna non conoscono le guide alpine e solo nel momento in cui decidono di fare un’escursione con una di loro si rendono conto di cosa significhi realmente, soprattutto in termini di sicurezza”, spiega Rixi.

“La formazione per diventare guida alpina passa dalla conoscenza dell’ambiente, alla nivologia, all’autosoccorso, alla gestione del rischio, facendone l’unica figura professionale riconosciuta a livello nazionale e internazionale. Per questo abbiamo presentato un emendamento alla Manovra del Governo che prevede l’esenzione dall’Iva per servizi di accompagnamento professionale in montagna”, continua il leghista.

“Un incentivo per vivere la passione per la montagna in modo più cosciente e sicuro con l’ausilio delle guide alpine che hanno formazione di standard elevatissimo, aggiornamento continuo, conoscenza e rispetto del territorio”, conclude il deputato Edoardo Rixi.

Nei giorni scorsi, a proposito di guide alpine, ha fatto molto discutere l’annuncio del presidente della Regione autonoma Valle d’Aosta che – almeno fino al 20 dicembre – imporrà il divieto di salire in montagna nel territorio regionale se non con l’accompagnamento di una guida alpina ufficiale. Questo, ha spiegato il presidente Erik Lavévaz, per evitare incidenti e quindi necessità di ricoveri negli ospedali, già in difficoltà a causa del covid.