Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Esselunga, inaugurazione in grande stile: “Sono 36 anni che ci proviamo, è una giornata storica” fotogallery

A mezzogiorno l'apertura al pubblico, Toti e Bucci in prima linea: "Abbiamo fatto un regalo al libero mercato"

Più informazioni su

Genova. “È un giorno speciale, anzi specialissimo. Un giorno storico perché dopo 36 anni dal primo tentativo abbiamo il primo negozio a Genova. E questo sicuramente è un record negativo, ma noi oggi siamo felici”. Sotto un’enorme bandiera con la croce di San Giorgio l’amministratore delegato di Esselunga, Sami Kahale, celebra l’inaugurazione del punto vendita di via Piave, il primo nel capoluogo ligure. A mezzogiorno l’apertura al pubblico (con lunghissime code per entrare e disagi al traffico) che segna una rivoluzione nella storia della grande distribuzione in città.

Generica

Alla cerimonia c’erano proprio tutti. Il sindaco Marco Bucci, il presidente Giovanni Toti e il coordinatore ligure del suo partito, il senatore Sandro Biasotti, che ha venduto l’area su cui sorge il supermercato. E poi parlamentari del centrodestra, imprenditori, rampolli di nobili famiglie, e ovviamente i discendenti del compianto Bernardo Caprotti, ricordato con un lungo applauso prima del taglio del nastro.

“Noi vogliamo che Genova sia una città in cui la concorrenza tra operatori commerciali dà un servizio migliore ai cittadini – ribadisce Bucci -. Non è l’amministrazione che decide chi sta sul mercato. Non è così che funziona il sistema. Noi mettiamo regole che devono proteggere i cittadini. La concorrenza è una forma di protezione per il cittadino ed è quello che noi vogliamo e che deve succedere”.

Inaugurazione Esselunga via Piave

E la preoccupazione di residenti e commercianti? “La capisco, ma alla fine penso che saranno tutti contenti. Ci saranno molti benefici. Alla fine non credo ci saranno problemi di traffico, forse nei primi giorni, ma poi la situazioni si stabilizzerà. E se ci fossero da prendere misure per facilitare la circolazione le prenderemo”.

Abbiamo addirittura cambiato le leggi di questa Regione – ammette il presidente Toti – ma noi non stiamo facendo un regalo a Esselunga. Lo avrei fatto per qualsiasi altro gruppo. Oggi il regalo lo stiamo facendo al libero mercato e al carrello della spesa dei genovesi. È giusto che ci sia concorrenza, ed è quella concorrenza che permette ai cittadini di avere più convenienza”.

Inaugurazione Esselunga via Piave

Nell’Esselunga di via Piave lavoreranno 134 persone, di cui 112 nuovi assunti secondo i numeri forniti dall’amministratore delegato Kahale. All’interno non c’è solo il supermercato da 1.495 metri quadrati ma anche il bar Atlantic (che afferisce allo stesso gruppo) con un’ampia vetrata con vista mare. Sui banchi della gastronomia ci sono anche tipicità liguri (come la farinata e la focaccia al formaggio) e sarà possibile scegliere la spesa per poi riceverla a domicilio. L’orario di apertura è dal lunedì al sabato dalle 7.30 alle 21, la domenica dalle 9 alle 20.

La grande bandiera appesa e incorniciata all’ingresso è quella che Bucci aveva donato al duca di Kent il 9 dicembre 2019 in occasione della visita per commemorare le vittime di ponte Morandi. Il 3 agosto, giorno dell’inaugurazione del nuovo viadotto, il bandierone è stato restituito e Bucci a sua volta ha voluto regalarlo all’Esselunga presieduta da Marina Caprotti, moglie di Francesco Moncada, marchese e “amico d’infanzia”, così lo definisce il sindaco, del duca di Kent.

Inaugurazione Esselunga via Piave

Ora la partita si sposta su via di Francia, con l’obiettivo di aprire il secondo supermercato. Non è un mistero che Bucci e Toti vedano l’idea con favore. “Speriamo sia solo l’inizio”, dice il governatore. Tutto però sarà subordinato alla possibile moratoria sull’apertura dei nuovi supermercati che la Regione potrebbe estendere al 2021 su spinta di Ascom e di una parte della Lega. “Per ora abbiamo rotto il ghiaccio – si limita a commentare Kahale – i tempi sappiamo che in media sono piuttosto lunghi”.

Tantissime le persone in fila all’apertura. I parcheggi, in grado di ospitare 215 veicoli, sono andati esauriti in breve tempo, provocando disagi al traffico. “Siamo felicissimi, è una grande novità. Verremo sempre a fare la spesa qui”, affermano molti clienti che hanno atteso anche più di un’ora per entrare. Le porte si sono aperte intorno a mezzogiorno ma il personale ha deciso di contingentare gli accessi per evitare assembramenti nonostante i quasi 1.500 metri quadrati di superficie del supermercati. L’assistenza è passata a distribuire foglietti con un numero per regolare i turni di ingresso e permettere a chi vuole di abbandonare la coda per tornare più tardi.