Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Covid, la città cinese di Siping dona al Comune di Genova tremila test sierologici

Non è la prima volta che la Cina mostra la sua vicinanza. A marzo, infatti, la città di Guangzhou aveva regalato alla nostra città 100mila mascherine

Più informazioni su

Genova. Si è svolta questa mattina, negli uffici del Matitone, la cerimonia di consegna al Comune di Genova di tremila tamponi sierologici donati dalla città cinese di Siping. Erano presenti per il Comune di Genova il consigliere delegato alla Protezione Civile Sergio Gambino e il vice comandante della Polizia Locale Varno Maccari.

All’incontro hanno partecipato anche Antonino Giaramita e Xiaofei Wang, presidente e vice presidente di ITACIN APS, l’Associazione Internazionale Cooperazione Italia-Cina istituita a Genova nel 2019 per il rafforzamento dei legami culturali ed economici tra i due Paesi.

Proprio da ITACIN APS, due mesi fa, era partita l’idea di sostenere lo sforzo quotidiano della nostra città per limitare la diffusione del Covid-19. ITACIN APS ha fatto da intermediaria con i funzionari della città di Siping addetti alle relazioni internazionali, permettendo di accelerare i tempi per l’invio e la consegna dei 3mila tamponi sierologici.

Siping, che ha finanziato la donazione, è una città del Nord-Est della Cina con una popolazione di 680mila abitanti e non lontana dal confine con la Mongolia. Grazie alla sua posizione strategica, Siping è un importante hub di trasporto e nodo logistico della provincia di Jilin, una zona di sviluppo economico e tecnologico di rilevanza nazionale.

Non è la prima volta che la Cina mostra la sua vicinanza a Genova in epoca Covid-19. A marzo, infatti, la città di Guangzhou aveva regalato alla nostra città 100mila mascherine.

«Il Comune di Genova è molto grato alla città di Siping e all’associazione ITACIN APS – dichiara il consigliere delegato alla Protezione Civile Sergio Gambino – per questa generosa fornitura di materiale sanitario, che sarà uno strumento prezioso per limitare e prevenire il più possibile la diffusione del virus nella nostra città. A breve decideremo come usare i tamponi: al momento l’idea è di destinarli alle categorie professionali più a rischio».

«Da anni la nostra amministrazione – spiega l’assessore alla cultura Barbara Grosso – ha maturato relazioni internazionali con molti Paesi del mondo a cui siamo legati da una profonda amicizia. Tra questi c’è la Cina che, con questa importante donazione, dimostra come tali rapporti siano consolidati e sentiti, soprattutto in questo