Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Costruisce ‘bombe’ artigianali per venderle su facebook: sequestrato un 1,5 kg di polvere da sparo

Protagonista un giovane di Rapallo, in casa anche mezzo kg di hashish

Rapallo. I carabinieri della stazione di Rapallo hanno sequestrato stamattina un consistente quantitativo di manufatti pirotecnici, illegalmente detenuti e commerciati da un giovane di Santa Margherita Ligure.

Le indagini sono partite in seguito alla pubblicazione di un video sul gruppo “Facebook” privato – “amici dei Fuochi di Artificio” – dove il ragazzo dava prova della propria maestria nella realizzazione degli fuochi pirotecnici artigianali e ne proponeva la vendita.

Dalla perquisizione è emerso un vero e proprio laboratorio artigianale. Sono state sequestrate 18 piccole “bombe”, già pronte per essere immesse clandestinamente in commercio, diversi metri di miccia e quasi 1,5 Kg di polvere pirica contenuta in un secchio.

A causa dell’ingente quantitativo di materiale esplodente sono stati fatti intervenire gli artificieri e antisabotaggio del Comando Provinciale di Genova che hanno riscontrato fra l’altro le inadeguate condizioni di conservazione della polvere da sparo trovata nell’abitazione: l’elevato grado di umidità dello stabile aveva infatti trasformato la polvere in un ordigno pronto a esplodere al variare della temperatura.

Generica

Anche le stesse “bombe artigianali”, che contenevano ciascuna 50 grammi di polvere fortemente compressa, potevano essere, secondo gli investigatori molto pericolose per gli eventuali futuri acquirenti.

Nell’abitazione del ragazzzo sono stati inoltre trovati altri fuochi d’artificio, prodotti in Cina, e destinati al “solo mercato italiano”, la cui provenienza e conformità agli standard di sicurezza previste dal Ministero Interno sono in fase di accertamento.

A casa del ragazzo i militari hanno trovato anche altri fuochi di artificio prodotti in Cina e soprattutto mezzo kg di hashish, due bilancini di precisione, denaro contante per 460 euro e ulteriori attrezzature per il
confezionamento e la vendita dello stupefacente, munizioni di vario calibro e un coltello a serramanico con lama di lunghezza 10 cm .
 
Il giovane, già colpito da un divieto di detenzione di armi, munizioni e sostanze esplosive emesso a suo carico per un episodio simile commesso quando ancora adolescente, è stato arrestato non solo per la violazione del citato provvedimento, ma anche per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacente