Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Corso Galliera, Aster taglia cinque platani “mangiati” dai funghi: saranno sostituiti fotogallery

Apprensione sui social per l'abbattimenti degli alberi secolari: ecco cosa sta succedento

Genova. L’allarme e le polemiche per il taglio di alcuni alberi hanno presto fatto il giro dei social questa mattina, quando i residenti di corso Galliera, nella Bassa Val Bisagno, si sono svegliati con il rumore delle motoseghe degli operai di Aster che stavano tagliando “a zero” alcuni platani secolari.

In molti hanno connesso il sacrificio dei caratteristici alberi con l’arrivo, quasi a sorpresa, della nuova corsia ciclabile, ma la realtà è tutt’altra cosa. Siamo andati sul posto a verificare e i tecnici di Aster ci hanno spiegato quello che sta succedendo: “Ci sono degli alberi malati che devono essere rimossi prima che diventino un pericolo serio per le persone”.

Le parti interne del primo platano azzerato, infatti, rivelano che cosa stava succedendo dentro questi enormi e magnifici alberi: una fungo, in gergo definito carie del legno, da tempo sta divorando letteralmente queste piante dall’interno, rendono i grandi tronchi cavi e quindi più fragili. Una fragilità non percepibile dall’esterno ma che potrebbe rivelarsi “di schianto” in caso di vento particolarmente forte. Da fuori l’aspetto dell’albero malato è pressoché identico al sano, tranne per un dettaglio alla base del tronco: l’esemplare colpito, per sopperire alla mancanza delle struttura centrale, prova costruire esternamente nuova corteccia, che all’occhio umano sembrano dei bubboni di legno, dei rigonfiamenti del fusto, sopratutto alla base.

In totale sono cinque i platani a cui è stato diagnosticato questo fungo, e saranno “rasati” nei prossimi giorni, per poi essere sostituiti da altri esemplari più giovani e selezionati per essere più resistenti ad alcuni batteri. “E’ giusto che le persone si preoccupino degli alberi – commenta un tecnico di Aster – lo facciamo anche noi, dando sempre come priorità la sicurezza delle persone e la salute del nostro verde”.