Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, Toti risponde alle opposizioni: “Posti letto nei Covid hotel adeguati”

"In Liguria assunti 1.535 sanitari per l’emergenza pandemica, operativi 39 Gsat con 178 medici"

Genova. “Al momento la dotazione di posti letto nei Covid hotel della Liguria è adeguata alle esigenze del territorio: c’è un turn over efficace e abbiamo sempre disponibilità di posti in ognuna delle strutture che abbiamo attivato, abbiamo preso contatti con Federalberghi che ci ha offerto la possibilità di potenziare le strutture in caso di necessità, che al momento non viene rilevata visto che dai nostri reparti ospedalieri sono più i pazienti dimessi che i ricoverati giornalieri e che il nostro indice di contagio Rt continua a scendere lentamente e si è stabilizzato a 0.68 nell’ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità. Riteniamo quindi che ad oggi la dotazione di 257 posti letto complessivi nelle strutture extra ospedaliere per le persone covid positive sia sufficiente e adeguata”. Così il presidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti è intervenuto in Consiglio regionale.

Il presidente e assessore alla Sanità Toti ha ricordato che la Liguria è stata “tra le prime regioni ad attivare i Covid hotel, nel centro storico di Genova e alla Spezia. Altre strutture similari sono state in parte attivate anche a Savona e, oltre ai Covid hotel come intesi dalla struttura commissariale del governo, abbiamo attivato altre strutture a bassa intensità di cura che adempiono anche a quell’utilizzo. In sostanza, abbiamo due tipi di strutture”.

In merito all’attività delle Squadre territoriali (Gsat-gruppi strutturati di assistenza territoriale) in Liguria, il governatore e assessore alla Sanità Toti ha spiegato che “dopo le difficoltà registrate in tutta Italia all’inizio della loro attività, oggi le squadre attive in Liguria sono complessivamente 39, con 178 medici coinvolti e operativi, ben oltre il numero previsto dal ministero: sono 24 nella Asl3 (dove secondo i parametri nazionali ne sono previste 14); sono 4 in Asl4 (previste 3).

Nel suo intervento in aula, rispondendo alle diverse interrogazioni, il presidente ha fatto il punto anche sulle assunzioni effettuate dall’inizio dell’emergenza Covid ad oggi: si tratta complessivamente di 1535 unità di personale sanitario, di cui 478 medici e 466 infermieri oltre a 591 tra operatori sociosanitari, tecnici di laboratorio, tecnici radiologi e altre professioni sanitarie.