Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, a Genova ci sono già 100 persone pronte a farsi vaccinare il 27 dicembre

Caccia a un "testimonial" per il primo vaccino in Liguria, la dose numero uno arriverà al San Martino alle 8 del mattino

Genova. Ci sono già 100 tra medici, infermieri e operatori sanitari che hanno firmato il consenso informato per sottoporsi all’iniezione il 27 dicembre, giorno in cui arriveranno in Liguria le prime 320 dosi del vaccino anti-Covid della Pfizer che segneranno l’inizio simbolico della prima fase della campagna. Lo ha riferito oggi il presidente della Regione Giovanni Toti in conferenza stampa.

“Le prime dosi arriveranno la mattina del 27 dicembre intorno alle 8 al San Martino – ha spiegato Toti -. Poi verranno scelte due Rsa in base al numero di ospiti e di addetti e in ognuna saranno vaccinati una cinquantina tra ospiti e pazienti, fatte le verifiche da parte dei nostri esperti. Saranno vaccinati anche alcuni medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, una rappresentanza del mondo delle pubbliche assistenze, infermieri, medici e una rappresentanza di tutto il personale sanitario”.

Per il momento non trapelano dettagli su quale sarà la prima persona in assoluto a ricevere il vaccino. È probabile che la scelta possa ricadere su un volto noto della sanità, che possa fungere anche da testimonial per convincere i liguri a vaccinarsi nella seconda fase, ma piace anche la suggestione di un nome che combaci con quello di un personaggio storico (come Cristoforo Colombo, Andrea Doria, Giuseppe Mazzini) sul modello dell’Inghilterra che ha scelto un tale William Shakespeare. Si tratta di fantasie, ma quel che è certo è che l’iniezione numero uno avverrà a favore di telecamere e comunque con grande risalto mediatico.

“Questa sera Icardi e Ansaldi mi hanno detto che ci sono almeno un centinaio di consensi informati già pervenuti agli uffici. Sono infermieri, operatori socio-sanitari e medici, i primi saranno certamente loro – ribadisce Toti -. Si faranno circa sei vaccini all’ora nella sala che verrà scelta”.

La prima fase entrerà nel vivo nei giorni successivi con l’arrivo delle 60mila dosi che consentiranno di vaccinare tutto il personale sanitario, gli ospiti e i lavoratori delle Rsa: il 91% degli aventi diritto ha già espresso l’intenzione di sottoporsi all’iniezione. Nel solo bacino della Asl 3 genovese saranno interessate 28.730 persone.