Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Busalla: bando da 50 mila euro per far ripartire il commercio e 10 mila per il Civ Il Ninfeo

Il bando è aperto dal 1 al 15 dicembre

Busalla. Il Comune di Busalla, nell’ottica di fornire un aiuto concreto e immediato alle categorie più in difficoltà a seguito dell’emergenza coronavirus, ha emesso un bando per l’erogazione di contributi a fondo perduto per le attività commerciali e per le attività inerenti i servizi alla persona che operano sul territorio e sono state costrette a limitazioni o periodi di chiusura a seguito di decreti nazionali. Il testo del bando e la relativa domanda da compilare sono disponibili sul sito del Comune di Busalla.

“Il commercio è una delle anime economiche di Busalla”, afferma Loris Maieron, sindaco del comune centrale della Valle Scrivia. “In questo particolare momento abbiamo deciso di intraprendere una serie di azioni atte a sostenere la nostra economia locale, grazie anche agli ultimi stanziamenti giunti al Comune di Busalla da parte del governo, per far fronte all’emergenza coronavirus. La nostra linea politica si sviluppa, per quanto riguarda gli aiuti al commercio di Busalla su due azioni principali: la prima, dell’entità di 10.000 euro, sarà erogato al Civ Il Ninfeo di Busalla con l’intento di far ripartire l’associazionismo tra commercianti e di ridare vigore alle attività di promozione del commercio nel nostro paese; la seconda verte su un contributo a fondo perduto per aiutare direttamente le nostre realtà locali. Il bando emesso dal Comune di Busalla ammonta a 50.000 euro: una cifra importante per le nostre casse” prosegue il sindaco.

Il bando emesso dal Comune di Busalla definisce i criteri e le modalità per il riconoscimento del contributo alle attività commerciali e alle attività inerenti i servizi alla persona che hanno sede operativa in Busalla.

Possono partecipare al bando le realtà che hanno subito una sospensione totale o parziale a seguito dell’entrata in vigore delle misure di contenimento del contagio del coronavirus. Nel particolare posso richiedere il contributo le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 1 al Dpcm 26 aprile 2020, le attività di somministrazione (es. ristoranti, bar, pizzerie, gelaterie, pasticcerie), le attività artigianali, le attività inerenti i servizi alla persona (es. parrucchieri, barbieri, estetisti, palestre) diverse da quelle individuate nell’allegato 2 al Dpcm 26 aprile 2020 e le agenzie di viaggio. Sono escluse dal bando le attività relative al commercio ambulante. Le attività indicate dovranno essere in regola con il pagamento dei tributi, canoni e oneri locali in genere dovuti al Comune di Busalla fino a tutto il 31 dicembre 2019 o avere in corso un piano di rientro con il Comune stesso.

Il bando è aperto dal 1 al 15 dicembre, termine ultimo per far pervenire via Pec al Comune la domanda di ammissione, scaricabile dal sito internet dell’ente.

Per tutte le informazioni relative al bando è possibile rivolgersi all’Ufficio segreteria del Comune di Busalla al numero telefonico 010 97683209 oppure alla mail: segreteria@comune.busalla.ge.it.