Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Torino-Entella: i commenti di Michele Pellizzer e Andrea Schenetti fotogallery

Le parole del capitano e del rientrante centrocampista dopo la sfida di Coppa Italia

Chiavari. L’Entella non centra l’impresa all’Olimpico Grande Torino, ma trova conferme e speranze. Con un solo allenamento con la squadra alle spalle, Vincenzo Vivarini mette in campo una squadra lucida e coraggiosa, ma non riesce ad evitare la sconfitta. Il Torino si impone per 2-0 grazie alle reti di Zaza e Bonazzoli.

Coppa Italia

Il difensore Michele Pellizzer commenta così l’andamento della partita: “Loro hanno un attimo accelerato e ci hanno messo un attimo in difficoltà. Prendiamo di buono quello che abbiamo fatto in fase di possesso; in un giorno abbiamo preparato la partita e dobbiamo assimilare velocemente quello che vuole il mister e la sua mentalità. A sprazzi lo abbiamo fatto: abbiam fatto un buon possesso palla, ricercando gli attaccanti palla a terra, e quindi dobbiamo continuare così. Ovviamente è presto, perché in un giorno abbiamo preparato la partita. Ci vuole tempo, però dobbiamo fare in fretta perché tra tre giorni si rigioca, è una partita importantissima e quindi prendiamo di positivo quanto abbiamo fatto qui a Torino”.

La squadra desidera trovare le prime vittorie in campionato. “La voglia è molta – ammette Pellizzer -. Infatti magari a volte ci facciamo prendere un po’ troppo dall’ansia e dalla voglia di vincere e di fare qualcosa in più. Ci vuole calma, sangua freddo, perché conosco bene anche la Serie B, quindi è lunga. Siamo appena agli inizi, siamo all’ottava/nona partita, quindi ne mancano ancora tantissime. L’importante è avere voglia di fare, di mettersi a disposizione del mister chiunque gioca e non mollare niente, perché appena molli basta poco. Se non sei al cento per cento gli avversari vincono”.

“È un piacere giocare qui, ci avevo già giocato quando il Torino era in Serie B. Erano una squadra pazzesca e avevamo portato a casa un pareggio quella volta. Questa volta è andata un po’ meno bene, però sono ricordi che rimangono piacevolmente. Il mister ci ha fatto una buona impressione – conclude Pellizzer -. Ha le idee chiare. Anche lo staff è molto preparato. Poi sta a noi, sta al singolo giocatore, alla responsabilità che abbiamo noi, di prendersi le proprie responsabilità e dare tutto quanto, perché se hanno esonerato il mister è anche colpa nostra. Quindi prendiamoci le nostre responsabilità, tiriamo una linea e ripartiamo da zero”.

Il rientrante Andrea Schenetti afferma: “Sono contento, perché dopo tanti mesi che sono rimasto fuori e non ho potuto dare una mano ai miei compagni sono felice di essere rientrato. Adesso ripartiamo tutti insieme”.

Sul campo si è vista una squadra compatta. “È quello che il mister ci ha chiesto da quando è arrivato – spiega il centrocampista -. Indipendentemente da contro chi giochiamo cercare di fare la partita, di interpretarla nel miglior modo possibile, di rispettare tutti ma di essere consapevoli che possiamo fare qualcosa di importante. È normale che abbiamo tanto da lavorare in questo momento, però siamo fiduciosi a partire già da lunedì. Ho tanta voglia di poter dare il mio contributo, che in questo momento qua purtroppo non sono riuscito a dare e questo mi è dispiaciuto. Purtroppo il calcio è fatto anche di infortuni però adesso riguarda il passato, bisogna guardare avanti, abbiamo ancora tutto il tempo per rimboccarci le maniche e ottenere qualcosa di importante. Sono sicuro che lavorando, avendo dei valori importanti sia tecnici che umani faremo cose importanti”.