Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Più corsie gialle per il trasporto pubblico”, domani pomeriggio la protesta a Brignole

Le associazioni presentano 8 richieste al Comune di Genova: "Il tempo è scaduto"

Più informazioni su

Genova. L’appuntamento è domani (venerdì) alle ore 17 davanti alla stazione Brignole. Qui numerose associazioni e comitati organizzeranno un presidio di protesta per chiedere alla giunta Bucci interventi concreti per potenziare subito il trasporto pubblico. “Il tempo sta scadendo – spiegano i promotori – e per questo presentiamo otto richieste al Comune di Genova”.

Il tema portante è quello delle corsie gialle riservate ai mezzi pubblici. Il progetto dei quattro assi filoviari prevede già di incrementarle, ma le associazioni chiedono di anticipare alcuni interventi. Al primo posto, rendere operativa per tutto l’arco della giornata la corsia riservata di via Canevari, che attualmente dopo le 9.30 viene destinata a parcheggi a rotazione a servizio delle attività commerciali. Ripristinare la corsia gialla in via Siffredi, sospesa due anni fa per l’emergenza Morandi. Ma anche riportare la fermata di via di Francia nella sua sede originaria e obbligare Amt a ricollocare gli orari alle fermate

Altre richieste riguardano la mobilità pedonale connessa all’uso del trasporto pubblico: rimodulare il semaforo “eterno” di via Canevari in modo che i passeggeri in uscita dalla metropolitana possano raggiungere velocemente la fermata in direzione monte, pedonalizzare lo spazio davanti al tunnel di Borgo Incrociati, aumentare lo spazio pedonale in via Fieschi tra piazza Dante e via alla Porta d’Archi rimodulando i tempi dei semafori.

Al presidio aderiscono finora Italia Nostra, Attac, Eocistituto, Rinascimento Genova, Comitato Acquasola, Circolo Nuova Ecologica Legambiente, Comitato contro la cementificazione di Terralba, Wwf, Associazione Mobilità Genova, Comitato Sì tram, Famiglie senz’auto, Cittadini sostenibili e Genova ciclabile.