Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Nidi e materne, Lodi (Pd): “Il Comune non ha ancora assunto 27 collaboratori scolastici”

Genova. “Sono ventisette i collaboratori scolastici per i nidi e le materne del Comune che avrebbero dovuto essere assunti a tempo indeterminato a settembre e che purtroppo non hanno avuto questa possibilità. Lo afferma la capogruppo del Pd in consiglio comunale Cristina Lodi che spiega come il Comune di Genova abbia confermato la mancata assunzione in risposta a una sua interrogazione.

“Soprattutto in un momento delicato come quello che stiamo affrontando a causa della pandemia di Covid-19, i collaboratori scolastici sono le figure fondamentali che negli asili nido e nelle scuole materne hanno diretti rapporti con la famiglia. Sono coloro la cui presenza e continuità nel rapporto, sempre al fianco del corpo docente, fanno la differenza nei termini di qualità dei servizi offerti ai bambini” dice Lodi.

“Da febbraio ad oggi, si sono susseguite ben tre modifiche al piano assunzioni comunali,arrivando a novembre a posticipare ancora di almeno sei mesi l’assunzione dei collaboratori scolastici – spiega ancora la capogruppo – Inoltre, avendo superato il tetto delle assunzioni a tempo determinato (alcuni incarichi confermati solo fino a marzo), il Comune si è avvalso di una agenzia interinale per assumere per venti giorni il personale da far ruotare nei servizi, in modo da permettere agli assunti a tempo determinato di usufruire delle ferie arretrate. Non ho avuto risposta sulle caratteristiche della gara che ha selezionato l’agenzia interinale, ovviamente richiederò ulteriori informazioni”.

“Un piano di assunzioni è fondamentale nei servizi socio educativi soprattutto perché ci si prende cura di una fascia delicatissima – conclude – Purtroppo credo che sia stato fatto un mero conto economico, inaccettabile e pericolosissimo per la tenuta di qualità del sistema stesso, nonostante la buona volontà di tutti coloro che ci lavorano e che subiscono la precarietà e la discontinuità”.