Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Maran: “Il supporto del pubblico è quello che mi è mancato di più” risultati fotogallery

"Questa squadra aveva bisogno di freschezza, abbiamo inserito calciatori giovani che sono potenziali investimenti sul futuro"

Genova. “Abbiamo provato a vincere e ad avere la meglio sugli avversari. Non abbiamo mai mollato, addirittura nel finale con Pjaca abbiamo avuto l’occasione per chiuderlo se fosse riuscito lucidamente a tirare in porta, era in posizione ideale. Abbiamo fatto bene ce l’abbiamo messa tutta. I ragazzi stanno tirando fuori il massimo possibile in questo periodo, arrivano nello spogliatoio stremati a fine gara”.

Queste le parole di Rolando Maran al termine del derby pareggiato per 1-1 contro la Sampdoria: “Era il primo per me e resta affascinante, ma senza il pubblico non è la stessa cosa. Sogno che il prossimo si possa giocare con la gente, con i tifosi. Spero di godermi gli altri con lo stadio bello pieno”.

Il Genoa si è presentato con un inedito “albero di Natale“, il 4-3-2-1 che ha fatto la fortuna del Cagliari allenato dal mister trentino: “Sono stati bravi i giocatori, in pochi giorni hanno assimilato i primi concetti, hanno lavorato tutti i giorni per farci trovare pronti. Questo sistema è nato perché mi sembra che ci permetta di avere più soluzioni di gioco. Nelle ultime partite non c’eravamo espressi bene e abbiamo lavorato in settimana: li ho messi nelle condizioni di dare il massimo per esprimere un calcio propositivo e incisivo”.

Sul gol della Sampdoria: “Poteva essere annullato, c’era un fallo abbastanza evidente, ma non dobbiamo pensare a questo. La cosa che mi è piaciuta è stata la reazione. Ero tranquillo perché vedevo la squadra esprimersi bene. Abbiamo continuato a macinare”.

Ottima la partita di Scamacca, che dopo la doppietta in Coppa Italia ha segnato anche all’esordio in A: “Scamacca ha avuto un impatto forte – dice Maran – tutti i giorni cerca di migliorarsi, si impegna sempre. È stato ripagato da un gol importante, è il terzo in quattro giorni. Sono contento per lui».

Come lui, anche Rovella, altro giovane promettente, ha fatto molto bene oggi: “Questa squadra aveva bisogno di freschezza, abbiamo inserito calciatori giovani che sono potenziali investimenti sul futuro. Rovella è un 2001 ed è alla terza da titolare, deve migliorare e crescere, ma sono ragazzi con i quali è un piacere lavorare. Poi ci sono i ragazzi esperti che li mettono nelle condizioni giuste, che li supportano sia negli allenamenti che nelle partite”.