Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il governo vuole fermare sci e vacanze in montagna, Toti: “Sarebbe un danno irreversibile”

Il presidente ligure guida la protesta delle Regioni: "A rischio 120mila posti di lavoro"

Più informazioni su

Genova. Lo stop allo sci sarebbe “un danno irreversibile all’economia della montagna dei nostri territori” e “metterebbe a rischio 120 mila posti di lavoro. Per questo settore, che comprende albergatori, ristoratori e commercianti, saltare le vacanze di Natale significa perdere tutto”.

A lanciare l’allarme è il governatore ligure Giovanni Toti che oggi ha presieduto la Conferenza delle Regioni proprio mentre il governo sta lavorando a un piano condiviso con Francia e Germania per bloccare le vacanze in montagna, ritenute un rischio per la risalita dei contagi esattamente come le serate in discoteca della scorsa estate

A guardare con interesse sono migliaia di genovesi e liguri amanti della neve, ma soprattutto interi territori che vivono grazie al turismo invernali. I presidenti riuniti hanno approvato le linee guida per l’utilizzo degli impianti di risalita, “un documento che inviamo al governo come contributo propositivo per non compromettere la stagione sciistica – ha commentato Toti -. L’auspicio è che, come accaduto in precedenza, il governo voglia condividere con le Regioni i necessari approfondimenti sul piano della collaborazione istituzionale nell’interesse dei cittadini, del tessuto socioeconomico del Paese, nel rispetto delle necessarie regole di prevenzione”.

Per Giuseppe Cuc, presidente del collegio nazionale dei maestri di sci, “sarebbe un danno enorme, irreparabile, se il Governo confermasse le notizie circolate in queste ore, sulla possibilità di non aprire gli impianti da sci per le festività natalizie. Molte famiglie vivono solo ed esclusivamente con il reddito percepito nei cinque-sei mesi invernali di attività. Una falsa partenza come quella annunciata, sarebbe drammatica per la categoria e per l’intero settore della montagna”.

“E lo stesso vale per lo shopping natalizio – rimarca Toti su Facebook -. Noi lavoreremo affinché i cittadini possano fare i loro regali in sicurezza, con campagne mirate per promuovere gli acquisti nei negozi sotto casa e i prodotti liguri. Le nostre città saranno illuminate, perché ci meritiamo di vedere la luce nelle nostre strade dopo un anno così difficile. Nessuno vuole un liberi tutti ma abbiamo il dovere di dare una boccata di ossigeno a chi, in questi giorni più di altri, sta facendo dei sacrifici, tenendo alta l’attenzione e con la consapevolezza che il virus non è sconfitto”.