Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ecco come sarà la nuova sede Iren di Genova, a Borgo Incrociati anche gli sportelli per gli utenti foto

Investimento di 20 milioni di euro per la riqualificazione e trasformazione dell'ex palazzo delle Poste. Sarà inaugurata tra fine 2021 e inizio 2022

Più informazioni su

Genova. Lavori in corso, finalmente, e l’ex palazzo delle poste di piazza Raggi non sarà più un buco nero nel centro della città. Dietro la stazione Brignole, a Borgo Incrociati, prende forma la nuova sede di Iren a Genova. “Sostenibilità, lavoro agile, servizi e welfare aziendale. Sono questi i punti di forza del progetto”, dicono dalla multiutility.

La nuova struttura, che andrà a sostituire la storica sede di via Santi Giacomo e Filippo, prevede
la costruzione di un edificio con una superficie lorda complessiva di 15mila mq. La struttura sarà
in grado di ospitare oltre 400 postazioni di lavoro, alle quali si aggiungeranno spazi complementari
dedicati alla vita sociale e aziendale, quali aree per incontri e meeting e per la formazione.

Con un investimento di 20 milioni di euro, l’immobile verrà costruito secondo i più elevati standard
funzionali ed energetici che consentiranno di ridurre, in misura sensibile rispetto alla situazione
attuale, l’impatto ambientale e i costi di gestione. L’intervento di riqualificazione dell’edificio, la cui durata è fissata in circa 18 mesi, è stato avviato a luglio 2020, dopo i lavori preliminari di bonifica del sito e la conclusione della gara d’appalto per l’affidamento dei lavori.

La nuova sede verrà inaugurata tra fine 2021 e inizio 2022. Qui saranno situati
anche gli sportelli di servizio alla clientela, in modo da razionalizzare la presenza operativa e
logistica delle attività di Iren a Genova e insistere su un’area cittadina posta in posizione centrale e connessa direttamente con la linea ferroviaria e la metropolitana, realizzando anche un importante intervento in termini di riqualificazione urbana.

Il nuovo edificio sarà inoltre concepito in maniera diversa dai tradizionali uffici, con spazi condivisi e adatti alle nuove modalità di lavoro flessibile che l’azienda ha adottato da tempo, con alcuni progetti già a regime e altri che troveranno realizzazione nei prossimi mesi.

“Iren ha modificato profondamente la propria organizzazione negli ultimi mesi, rivoluzionando
completamente il concetto tradizionale di lavoro, effettuando un forte investimento sullo smart
working, iniziato fin dal novembre 2018, ben prima dell’insorgere della pandemia”, ha affermato
Massimiliano Bianco, Amministratore Delegato del Gruppo. Gli importanti investimenti in
digitalizzazione realizzati dal Gruppo ci stanno consentendo di reagire prontamente ai rapidi
cambiamenti e alle sfide alle quali siamo chiamati. La tecnologia e la digitalizzazione non
sostituiranno la relazione tra le persone, ma rappresenteranno degli acceleratori e dei facilitatori
di nuovi processi”.

“Oltre agli importanti investimenti in digitalizzazione, – ha sottolineato Antonio Andreotti,
Direttore Personale, Organizzazione e Sistemi Informativi di Iren – negli ultimi mesi abbiamo
lavorato per introdurre un profondo cambiamento culturale, con un’organizzazione del lavoro
basata su processi, obiettivi e tempi flessibili che consentano un corretto bilanciamento fra vita
privata e professionale. Gli spazi della nuova sede rifletteranno questa nuova impostazione del
modo di lavorare”.

“La nuova sede del Gruppo – ha aggiunto Vito Gurrieri, Direttore Approvvigionamenti, Logistica
e Servizi di Iren – rappresenta un’importante operazione di riqualificazione di un immobile del
Gruppo e, più in generale, di un’intera area strategica della città. L’edificio è stato pensato e
progettato per rispondere nel modo migliore alla rapida evoluzione della tecnologia e, più in
generale, delle nuove modalità di lavoro”.