Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Degrado sotto il nuovo ponte, l’assessore Cenci: “Entro fine anno via i cumuli di terra” fotogallery

Dopo la nostra denuncia la risposta a Tursi: "Cantiere ancora aperto, non condividiamo quella scelta ma non ci sono altre aree"

Genova. Dopo la nostra denuncia sul degrado della zona sotto il nuovo ponte dove sorge la radura della memoria è l’assessore all’urbanistica Simonetta Cenci – contattata invano ieri da Genova24 – a fornire risposte durante la commissione a palazzo Tursi dedicata al progetto del masterplan Valpolcevera e del parco firmato dall’architetto Stefano Boeri.

Abbiamo scritto ben più di una lettera per lo stato attuale o futuro, che mi auguro sia da progetto e non come è ora – ha detto Cenci -. Quando abbiamo aperto la radura il 14 agosto lo abbiamo fatto per rispetto dei parenti delle vittime e per avere un luogo di commemorazione. Sapevamo che sarebbe stata temporanea. Ma il cantiere è ancora aperto, la struttura commissariale terminerà se va bene entro la fine dell’anno”.

Accanto al cerchio coi 43 alberi in memoria delle vittime di ponte Morandi c’è una montagna di terra originata dagli scavi per la ricostruzione di un muro: “È una cosa che non condivido – ha aggiunto l’assessore – ma ahimé, quelle sono le aree che abbiamo. Vorrà dire che entro la fine di gennaio sarà portata via la terra e sarà sicuramente migliorato lo stato dei luoghi. Aster ha ricevuto in carico la gestione di questi spazi e settimanalmente va a fare la pulizia. Per quanto riguarda lo stato di salute degli alberi. nel momento in cui ci fossero problematiche saranno sostituiti se necessario in primavera”.

L’architetto Boeri ha ricordato che la radura è “temporanea” e che “l’obiettivo è trasformarla poi con la collocazione di alberi nel suolo e cambiare completamente la natura di quello spazio”. L’assessore Pietro Piciocchi rimarca che “c’è un cantiere perché si sta lavorando, e lì partirà una grande riqualificazione. Dire che la zona è abbandonata mi pare proprio fuorviante”.