Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Covid, il gruppo M5S in Regione: “Sì a collaborazione ma con reciprocità e trasparenza

Genova. “Ieri, alle forze di opposizione in Consiglio regionale, il Governatore della Liguria ha chiesto di lavorare insieme, condividendo proposte e azioni, per far fronte all’emergenza da Covid-19. È lo stesso invito che è stato rivolto da Giuseppe Conte alle opposizioni, con l’esito che ben conosciamo. Ed è lo stesso invito che ha poi rivolto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a tutte le forze parlamentari”, fanno sapere i consiglieri regionali Fabio Tosi e Paolo Ugolini.

“Ebbene, noi abbiamo risposto positivamente alla richiesta di Toti: come M5S, lavoreremo con spirito collaborativo, come ci è stato proposto. Ma, perché questa possa avvenire, la collaborazione deve essere reciproca. È innegabile: politicamente, siamo distanti anni luce dalle forze di maggioranza. Tuttavia, il virus non ha colore politico, non fa distinzioni tra una forza e l’altra e, in virtù del mandato che abbiamo ricevuto dai cittadini, dobbiamo lavorare tutti insieme per sconfiggere questo nemico che ci sta togliendo tanto, troppo. Invitiamo il Governatore della Liguria a rispettare l’impegno preso: non si ripeta quanto occorso nella prima ondata (marzo-aprile) quando, dopo soli 4 o 5 incontri, la maggioranza e la Giunta non ci resero più partecipi delle decisioni prese in materia di Sanità”.

“È una questione di coscienza: la salute pubblica deve essere tutelata. Non è mai troppo tardi per collaborare al raggiungimento di un risultato innegabilmente nell’interesse dei cittadini. Basta volerlo. Dobbiamo avere la possibilità di portare le nostre proposte al raggiungimento di quell’obiettivo. Che, ne va da sé, saranno valutate e giudicate. Ai nostri elettori chiediamo di avere fiducia: non abbasseremo la guardia. Il Covid-19 si sconfigge tutti insieme e quando questa emergenza finirà, ciascuna di noi tornerà alle proprie caselle e inizierà un’altra storia”, concludono.