Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, la Regione valuta di allestire un nuovo ospedale alla Fiera di Genova

L'annuncio del presidente Toti: "Potrebbe sostituire la nave ospedale". Il progetto prevede 100 posti letto nel padiglione Jean Nouvel

Genova. “Abbiamo dato incarico all’assessore Giampedrone, in collaborazione con la Asl 3, di iniziare i sopralluoghi per il possibile allestimento di un ospedale aggiuntivo alla Fiera di Genova grazie al sindaco che ce l’ha concesso”. Lo ha annunciato il presidente Giovanni Toti in conferenza stampa dopo aver parlato con il capo della protezione civile nazionale Angelo Borrelli.

Il nuovo ospedale alla Fiera “potrebbe sostituire nelle sue funzioni la nave ospedale, ovvero degenze a bassa intensità o convalescenze in uscita per garantire il turnover nei reparti di bassa intensità di cura”, ha precisato il governatore ligure citando la Gnv Splendid che ospitava i pazienti in dismissione. Il progetto è ancora in fase di studio ma prevede l’allestimento di almeno 100 posti letto all’interno del padiglione blu Jean Nouvel, dove nei prossimi giorni tornerà attivo anche un punto per i tamponi drive through.

“La situazione è complessa soprattutto nell’area metropolitana genovese – ha detto Toti -. Abbiamo chiesto ai direttori generale di tutte le Asl di intervenire come riterranno opportuno per bloccare tutto quello che serve delle attività di elezione programmate per passare al piano incrementale in modo da svuotare i pronto soccorso. Da domani il San Martino, il Galliera e tutta la Asl 3 si conformeranno a questa disposizione porteranno al massimo la capienza ospedaliera così come elaborato da Alisa”.

D’ora in poi la Liguria passerà ufficialmente alla fase 5 del piano incrementale di posti letto negli ospedali che porterà ad avere in totale 1.800 posti di media intensità di cura (600 in più rispetto alla situazione attuale) più 209 terapie intensive attivabili all’occorrenza.

Nelle prossime ore, ha detto ancora il presidente della Regione, inizierà il “trasferimento di pazienti verso gli ospedali del Ponente“, in particolare Cairo Montenotte e Albenga i cui punti di primo intervento erano già stati bloccati. Non è ancora chiaro quanti pazienti saranno trasferiti. “Il piano incrementale prevede che sia Asl 1 sia Asl 2 possano contribuire a dare fiato a Genova”, ha aggiunto Toti.