Come previsto

Coronavirus, governo conferma la Liguria in zona arancione. Allo studio una gialla “rafforzata” per Natale

Tutto rimane uguale fino al 3 dicembre, mentre il governo cerca una quadra per gestire le festività tra diritti, economia e sicurezza sanitaria

Giuseppe Conte mascherina

Genova. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza con cui si rinnovano le misure restrittive relative alla Provincia autonoma di Bolzano e alle Regioni Basilicata, Liguria e Umbria. L’ordinanza è valida fino al 3 dicembre 2020, ferma restando la possibilità di nuova classificazione prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 3 novembre 2020.

Secondo le previsioni, se il trend dei contagi si confermerà nel suo calo anche nelle prossime settimane, entro il 10 dicembre tutte le tutte le zone rosse potrebbero diventare arancioni, alcune arancioni trasformarsi in gialle. Il governo è inoltre allo studio di un rafforzamento ad hoc delle zone gialle per permettere gli spostamenti sotto natale, riservandoli ovviamente a ricongiungimenti familiari.

Ovviamente questa è solo una ipotesi al vaglio degli esperti, che da un lato potrebbe permettere alle persone di ritrovare parenti spesso soli, ma dall’altro evitare nuove situazioni di contagio, e quindi scongiurare una possibile terza ondata.

leggi anche
Generica
Lavori in corso
Il Natale si accende in piazza De Ferrari, quest’anno una “cascata di luci” su tutti i palazzi
Generica
L'esperto
Coronavirus, Icardi: “Terza ondata? Rispettare le regole o non finirà nemmeno la seconda”
Generica
Bollettino
Coronavirus, 509 nuovi positivi in Liguria, gli ospedalizzati tornano a quota 1300
Generica
Commento
Coronavirus, Toti: “Rt tra 0.8 e 0.9, la zona arancione decisione condivisa”
Generica
Il piano
Turisti e seconde case in Liguria, Toti punta a riaprire per Natale: “Non inciderà sui contagi”
Generica
Decisione
Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla: ecco cosa cambia
Generica
Commento
Liguria in zona gialla, Toti: “Sono cambiati i numeri, a tornare arancioni si fa sempre in tempo”