Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, gli infettivologi guideranno i medici “a distanza” per curare i pazienti a domicilio

Parte da Genova il "teleconsulto" attraverso una piattaforma informatica realizzata da Liguria Digitale

Genova. Parte nel territorio della Asl 3 genovese il teleconsulto per i pazienti Covid-19 curati a domicilio. I medici di famiglia potranno registrare online i dati clinici dei loro pazienti e in tempo reale un team di infettivologi dell’ospedale San Martino potrà fornire consulenza. In questo modo la Regione conta anche di ridurre gli accessi impropri al pronto soccorso.

La piattaforma informatica è stata sviluppata da Liguria Digitale ed è compresa nel sistema Poliss già utilizzato da Alisa. L’obiettivo è assicurare ai pazienti domiciliari un elevato standard di assistenza fornendo, di fatto, le cure secondo i protocolli ospedalieri. In caso fosse necessario il ricovero, sarà assicurato un canale dedicato per evitare il passaggio dal pronto soccorso.

L’iniziativa si colloca nell’ambito dell’accordo, primo in Italia, stipulato tra Regione Liguria e medici di medicina generale per rafforzare il piano di medicina territoriale.

“Con questa iniziativa – spiega il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – si va a potenziare in modo strategico la presa in carico territoriale dei pazienti Covid, con un duplice effetto: da un lato si garantisce sempre di più un monitoraggio costante e altamente qualificato delle condizioni di salute dei pazienti domiciliati, garantendo condizioni di vita migliori a tutte le persone che possono essere curate a casa, dall’altro si alleggerisce la pressione sui pronto soccorso, che in questa fase della seconda ondata si è rivelato l’aspetto più problematico dal punto di vista logistico-sanitario. Tutto questo –precisa Toti – garantendo cure appropriate e un monitoraggio costante grazie alla consulenza del reparto di Malattie infettive e al sistema informatico Poliss”.

Con l’avvio del progetto – conclude Toti – si dà ulteriore corpo e sostanza all’accordo tra Regione Liguria e medici di famiglia, che da oggi sono ancora di più in prima linea nella battaglia contro il Covid. Per questo li ringrazio, come ringrazio tutti gli operatori sanitari, i medici e gli infermieri che stanno dando davvero tutto, ogni giorno, per salvare vite”.

PIANO TAMPONI RAPIDI PRESSO I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

In base all’accordo tra Regione Liguria e i medici di medicina generale sarà implementato il piano dei tamponi rapidi destinati ai contatti di caso, presso gli ambulatori dei medici o spazi messi a disposizione dai distretti sanitari. Sarà il sistema Cup attraverso un’apposita piattaforma denominata “Piuma” a consentire al medico di famiglia di prenotare in modo automatico il numero di tamponi rapidi necessari al medico.

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PRENOTATE DIRETTAMENTE DAL MEDICO

La stessa piattaforma consentirà al medico di famiglia e a tutti i medici abilitati, dopo aver prescritto la prestazione, di procedere alla prenotazione in autonomia, attraverso la ricetta dematerializzata, senza che il paziente si rechi alla Asl. Una volta effettuato l’esame, il risultato verrà trasmesso direttamente al medico che lo comunicherà al paziente, senza che questo sia costretto a spostarsi nuovamente.