Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, 454 nuovi casi in Liguria e 712 guariti ma ci sono altri 25 morti

Torna di nuovo a scendere il tasso di positività rispetto ai tamponi totali, 9,57%

Più informazioni su

Genova. Sono 454 i nuovi casi di coronavirus registrati nell’ultimo bollettino di Alisa/Regione per il ministero della Salute. Il dato è riferito a 4740 tamponi effettuati. Torna di nuovo a scendere il tasso di positività rispetto ai tamponi totali, 9,57%, oltre un punto percentuale meno di ieri. I casi attivi di covid in Liguria sono al momento 12793, di cui 7415 in provincia di Genova.

Ancora alto il numero dei decessi, che sarà probabilmente l’ultimo indicatore a scendere. Oggi sono 25 le persone che non ce l’hanno fatta contro il covid. Sono state registrate nell’ultimo bollettino ma sono morte tra il 17 novembre e ieri.

D’altronde sono 712 i guariti, con tampone o per aver superato i 21 giorni previsti da dpcm dopo la fine dei sintomi per essere considerati fuori dalla malattia.

Ancora buone notizie dagli ospedali. Ci sono 43 pazienti meno di ieri, in tutto 1085, negli ospedali liguri. La pressione maggiore resta sulle strutture genovesi ma sono stati momentaneamente sospese le attività dei reparti creati in emergenza. Stabili le terapie intensive, 117.

Le persone in isolamento domiciliare, curate a casa o positive senza sintomi, sono 243 in meno di ieri, 11640 in totale. In Liguria ci sono, infine, 10150 sorveglianze attive, ovvero contatti di caso o altri sospetti casi in attesa dell’esito del tampone. Di queste 4529 a Genova.

Questo il dettaglio dei nuovi positivi provincia per provincia:

ASL 1: 46
6 contatto di caso confermato
39 attività screening
1 settore sociosanitario

ASL 2: 60
15 contatto caso confermato
44 attività screening
1 settore sociosanitario

ASL 3: 255
59 contatto caso confermato
194 attività screening
2 settore sociosanitario

ASL 4: 9 attività screening

ASL 5: 84
20 contatto caso confermato
62 attività screening
2 settore sociosanitario