Bollettino

Coronavirus, 1208 nuovi casi e 29 morti registrati nelle ultime 24 ore: stabili le terapie intensive

Gran parte dei nuovi contagiati sono nella provincia di Genova ma anche nelle altre province si segnala ora una crescita a tre cifre

Generica

Genova. Sono 1208 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore dal bollettino di Alisa Regione per il ministero della Salute a fronte di 6587 tamponi effettuati. Al momento in Liguria ci sono 15876 “casi attivi” di Coronavirus di cui 10220 nel territorio della provincia di Genova.

Rispetto a ieri abbiamo 39 ospedalizzati in più, arrivando a 1312 in totale nelle strutture della Liguria. Cala di una unità il numero dei pazienti nelle terapie intensive, da 77 a 76, ma sempre al di sopra del 37% (la soglia di guardia è il 30%).

Il bollettino di oggi registra anche il numero, purtroppo alto, di 29 morti. Non tutti, come abbiamo imparato, nelle ultime 24 ore ma, in questo caso tra il 30 ottobre e il 4 novembre.

Questo il dettaglio dei nuovi positivi:. Come sempre gran parte è relativo all’Asl 3 genovese:
• ASL 1: 132
42 contatti caso confermato
90 attività screening
• ASL 2: 100
22 contatto caso confermato
78 Attività screening
• ASL 3: 796
236 contatto caso confermato
542 attività screening
18 settore sociosanitario
• ASL 4: 2
2 attività screening
• ASL 5: 178
71 contatto caso confermato
107 attività screening

Rispetto a ieri si registrano 717 persone in più in isolamento domiciliare, ovvero curate a casa. I soggetti in sorveglianza attiva in Liguria sono 8225 di cui 3285 a Genova. Da segnalare anche 615 pazienti guariti.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Il bollettino
Coronavirus, altri 1122 nuovi contagi in Liguria, terapie intensive quasi al 37%
bucci centro storico
Decisione
Dpcm, Bucci: “Ora dobbiamo restare in zona gialla”. A Genova resta ‘coprifuoco’ tra le 21 e le 6
Generica
Commento
Liguria in zona gialla, Toti: “Molti dalla mia cabina di regia hanno manifestato perplessità”
Generica
E adesso?
Liguria in zona gialla, il ministero della Salute: “Valutazioni su trend e su dati di settimane fa”