Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Chiusura in vista per la Città dei bambini?”, Sansa lancia l’allarme ma la Porto Antico rassicura

La società pubblica garantisce: "Resterà e sarà potenziata" ma ai magazzini del Cotone in arrivo nuovi inquilini e una riorganizzazione complessiva

Genova. Dobbiamo dire addio alla Città dei Bambini? Se lo è chiesto il consigliere regionale d’opposizione Ferruccio Sansa indicando che, secondo fonti interne alla stessa società Porto Antico – che gestisce gli spazi dei magazzini del Cotone – il contratto di locazione sarebbe stato risolto con un anno di anticipo rispetto alla scadenza naturale. Secondo la società pubblica, che oggi è un tuttuno con Fiera di Genova, però non c’è “alcun allarme”.

La struttura dedicata all’edutainment dei più piccoli è stata aperta nel 1998 nell’edificio risistemato per le Colombiane di sei anni prima. “Il contratto doveva scadere tra circa un anno. Qualcosa di improvviso è successo. Ora le ipotesi sono due: o la struttura chiuderà oppure sarà affidata a un nuovo gestore”, ipotizza Sansa.

La Porto Antico spa fa sapere informalmente che la prossima settimana saranno svelati i dettagli di un complessivo piano di riorganizzazione degli spazi e di una serie di nuovi inquilini. Non si esclude che ci sia in effetti un cambiamento nella gestione degli affitti ma la Città dei bambini “rimarrà e sarà anzi potenziata”, dicono dalla società.

Confermata dalla Porto antico anche una risistemazione, con un ridimensionamento, della biblioteca De Amicis, contro la cui paventata chiusura è già scattata una petizione on line. Su questo tema anche le parole dell’assessore alla Cultura del Comune Barbara Grosso: “La DeA conserverà inalterata la sua vocazione e nessuna delle funzioni e delle attività attualmente riservate ai bambini e ai ragazzi andrà persa, i volumi ospitati negli spazi che ha chiesto la società Porto Antico saranno ricollocati all’interno della stessa biblioteca e dunque il patrimonio librario rimarrà assolutamente intatto”.

Ma Sansa è preoccupato: “Che cosa succede? Possibile, come accade per la De Amicis, che gli spazi siano stati destinati ad attività economiche? In Liguria, la regione più vecchia d’Italia, i più giovani già adesso non hanno spazi. Fisici e non solo. La loro voce non è ascoltata. Anche se i liguri di domani sono loro. Se Genova perdesse la sua Città dei Bambini vorrebbe proprio dire che… non è più una città per bambini”.

Sulle questioni, in serata, è intervenuto – su un fronte più politico – anche il sindaco di Genova Marco Bucci: “Sono polemiche strumentali, non so come altro definirle”. Il primo cittadino ha approfittato del punto stampa covid serale per “dire ai genovesi che le superfici per la cultura sono aumentate e continueranno ad aumentare con questa amministrazione, non c’è alcun accordo preso – ha aggiunto Bucci – le superfici della De Amicis e della Città dei bambini resteranno uguali o aumenteranno”.