Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tampone flash e risultato in 8 minuti, ecco come funziona l’ambulatorio Covid alla Commenda fotogallery

Nel primo giorno 150 tamponi e 10 casi "non negativi", il servizio per migliorare il tracciamento dei contagi nel centro storico

Genova. Non si può parlare di assalto ma le persone arrivano in modo ordinato e continuativo nell’ambulatorio della Asl3 aperto da questa mattina alle 8 nell’edificio della Commenda a Pré dove i genovesi in modo veloce e gratuito possono eseguire il tampone antigienico.

Laboratorio mobile tamponi commenda di Pré

Genova24 è andata a vedere da vicino come funziona l’ambulatorio che in soli 8 minuti fornisce un primo importante risultato di negatività o positività al coronavirus.

“Le persone vengono accolte all’ingresso – spiega il direttore sanitario della Asl3 Marta Caltabellotta e viene loro assegnato un numero dove attendere di eseguire il test”.

Una volta entrati gli utenti vengono identificati e registrati, accanto in una struttura separata viene eseguito il test (con il tampone introdotto nel cavo nasale, poi ci si accomoda all’esterno, in uno spazio separato da dall’ingresso esterno. Dopo 8 minuti arriva il risultato: “Chi è negativo può andare via con il risultato in mano, chi è positivo, tecnicamente di parla di non negatività al test antigenico, invece viene fatto rientrare e in un’ulteriore stanza ricavato nello storico edificio viene sottoposto al secondo test, quello molecolare”.

In questo caso il test deve essere processato in laboratorio all’ospedale San Martino: “Per questo secondo risultato ci vogliono circa 48 ore – spiega Caltabellotta – e le persone devono andare a casa e restare in isolamento fino a che non vengono contattate”.

Il risultato del tampone antigienico però difficilmente sbaglia, come conferma Caltabellotta: “Di solito chi è positivo all’antigenico lo è anche al molecolare”.

Per dare qualche numero, in questa prima giornata sono stati eseguiti 150 tamponi e individuati i 10 casi positivi (meglio, non negativi).

La popolazione in attesa di fare il tampone è molto varia: ci sono molti stranieri, tanto che all’interno dell’ambulatorio è presente un interprete di arabo, ma anche italiani, coppie di anziani, studentesse, adulti. “I primi ad arrivare questa mattina sono stati una coppia con un bambino di 9 mesi” racconta ancora il medico. “E’ un’ottima opportunità per noi che possiamo fare un tracciamento più massivo ma anche per le persone che in questo modo possono sentirsi più tranquille”. L’ambulatorio è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 14 e sarà attivo per due settimane. Ricordiamo che per fare il test non occorre essere residenti in centro storico: è un test aperto a tutti.

Molto soddisfatto anche il direttore generale della Asl3 Carlo Bottaro: “Questa prima giornata sta andando magnificamente – dice perché c’è un grandissimo senso civico da parte dei cittadini indipendentemente da etnia, sesso ed età. Il percorso è assolutamente tranquillo e il poter usufruire di uno spazio come la commenda ci permette di dare ai cittadini un servizio rapido e gratuito e che contribuirà a tranquillizzare molti concittadini”.