Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sulla Liguria aria artica e crollo delle temperature, in Val d’Aveto è comparsa la prima neve

Previsto un ulteriore calo termico e rinforzo dei venti settentrionali, rischio gelate nei fondovalle dell'interno

Più informazioni su

Genova. A giudicare dal risveglio di stamattina sembra sia davvero giunto il momento di tirare fuori la giacca pesante. La Liguria ha iniziato la settimana con bel tempo ma anche con un crollo delle temperature grazie all’arrivo di una massa d’aria artica trasportata fin sul Mediterraneo dai venti settentrionali che rinforzeranno ulteriormente durante la giornata.

La conseguenza è che stamattina i primi fiocchi di neve hanno fatto la loro comparsa in Val d’Aveto, immortalati dalla webcam di Limet che punta sul prato dalla Cipolla nei pressi di Santo Stefano. Per la provincia di Genova è sicuramente la prima della stagione, mentre sulle Alpi Liguri qualche spruzzata si era già vista nei giorni scorsi.

Durante la notte, come scrivono gli esperti di Limet, lungo la fascia costiera i valori si sono attestati tra i 10 e i 12°C tra ad eccezione del Savonese occidentale e dell’Imperiese dove la ventilazione da nord assumendo caratteristiche favoniche (compressione dell’aria nei bassi strati) ha mantenuto gli stessi di qualche punto superiore intorno ai 15/16°C. Decisamente fredde le temperature nelle zone interne e in montagna con valori compresi tra i 4 e i 7°C nei fondovalle e tra 1 e 3°C intorno agli 800/1000 metri. Zero termico intorno ai 1200 metri con minima di -3.2°C ai 1785 del Monte Bue in Val d’Aveto.

LE PREVISIONI

L’avvio di questa nuova settimana all’insegna del miglioramento vedrà una certa variabilità soleggiata nella giornata odierna e in quella di martedì con schiarite prevalenti lungo la costa e maggiori addensamenti sui versanti padani dell’Appennino con ancora qualche debole precipitazione tra Spezzino e Lunigiana durante la mattinata.

Dal pomeriggio estensione delle schiarite su tutte le zone prima di una notte in cui le temperature subiranno un’ulteriore calo. Rischio gelate quindi nei fondovalle dell’interno. Le temperature massime invece della giornata odierna stenteranno a raggiungere i 18/20°C lungo le coste ad eccezione delle zone soggette a venti di favonio. La ventilazione settentrionale prevista in rinforzo acuirà la sensazione di fresco/freddo anche in presenza di generoso soleggiamento.