Stasera la protesta dei circoli Arci, luci accese e musica in strada: "Per noi nessun sostegno" - Genova 24
Mobilitazione

Stasera la protesta dei circoli Arci, luci accese e musica in strada: “Per noi nessun sostegno”

"Ci siamo messi a disposizione per i buoni pasto, per portare la spesa a casa, per aiutare nei quartieri. Ma il governo non ci aiuta"

Generica

Genova. Anche i circoli Arci della Liguria, esclusi dai ristori previsti dal governo per l’emergenza coronavirus, accendono la protesta nelle strade. Questa sera dalle 18 alle 20 tutti i circoli terranno le luci accese e diffonderanno musica dopo una serie di incontri istituzionali e iniziative diverse nei vari territori.

“Tutte le misure emanate dal governo in queste ore segnano una distanza con i nostri mondi a nostro modo di vedere reiterata e colpevole – scrivono circoli e comitati Arci in una nota -. Continuiamo a non comprenderne le ragioni e viviamo con frustrazione e rabbia la schizofrenia di questo momento: da un lato le continue “pacche sulle spalle” quando si tratta di elogiare il terzo settore ed il volontariato per il suo benemerito impegno civico e dall’altro, per l’ennesima volta, la totale assenza di misure di sostegno concreto per il mondo non profit, fondamentali in un momento di crisi epocale. O hai la partita iva e svolgi un’attività commerciale oppure non meriti nessun sostegno economico”.

I circoli lamentano l’assenza di un sostegno “neppure se dai mesi di lockdown ad oggi ti fai carico gratuitamente di sostenere le comunità territoriali con concrete azioni di mutuo soccorso, ti metti volontariamente a disposizione delle istituzioni per distribuire i buoni pasto, ti occupi di portare a casa dei più fragili la spesa o le medicine, contribuisci a fare in modo che in moltissimi quartieri e nei paesi ci sia una luce sempre accesa e una porta socchiusa per ogni necessità. Le promesse della politica stanno a zero, come a zero stanno gli aiuti che aspettiamo ancora da aprile ed a zero sono gli aiuti previsti dagli ultimi provvedimenti del governo”.

Per questo scatta la mobilitazione, “pacifica e rispettosa delle restrizioni sanitarie”. Una mobilitazione “articolata in tante iniziativa diverse, in tutta la regione, in ogni luogo dove è presente un circolo o un comitato territoriale dell’Arci”, che culminerà nel momento serale. “Dall’imbrunire – annuncia l’Arci – i nostri circoli saranno illuminati e sentirete le note di qualche canzone provenire da quei luoghi oggi chiusi ma colmi passione e di impegno civile. Non sarà neppure questa pandemia o la miopia delle istituzioni e della politica a condannarci al silenzio. Questo mai. Noi non ci arrendiamo e non ci stiamo”.

In giornata sono previsti diversi incontri: alle 9.30 col prefetto della Spezia, alle 10.45 col presidente ligure Giovanni Toti, alle 13 col viceprefetto di Savona, alle 16 col prefetto di Genova.

leggi anche
manifestazione serale 28/10 covid
Ancora
Protesta a De Ferrari contro le chiusure, arrivano gli ultrà e scoppia il caos in centro tra petardi e lanci di bottiglie
manifestazione no restrizioni
In piazza
Nuove restrizioni e chiusure: a De Ferrari la protesta delle categorie colpite
Generica
Settore
Smart working e chiusure dei locali, a Genova il Covid mette in ginocchio oltre 300 lavanderie
"Emergenza Spettacolo", la protesta dei lavoratori in piazza De Ferrari
Succede oggi
Genova scende in piazza contro le chiusure, oggi altre proteste in scena a De Ferrari