Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria, monte ingaggi al 15esimo posto

Vialli svela di non aver accantonato il sogno di poter fare un giorno il presidente di una squadra

Più informazioni su

Genova. Nei giorni scorsi la Gazzetta dello Sport ha pubblicato una classifica del monte ingaggi delle venti squadre della Serie A, in cui il Doria figura alla 15esima posizione, nonostante le “new entry” Candreva, Adrien Silva e Keita, entrate che hanno indubbiamente alzato l’asticella dei sogni dei tifosi blucerchiati, soprattutto dopo la bella prestazione della Samp operaia di Firenze.

Non di meno, la lettura di tale graduatoria impone forse alcune considerazioni, ancorché tutte le equazioni abbiano come minimo un’incognita (leggi risultato finale del campionato in corso) e non è assolutamente detto che le due classifiche (punti e monte ingaggi) debbano alla fine coincidere…

Tuttavia, se si dà un’occhiata a cosa è successo negli anni scorsi, se si esclude l’eccezione Atalanta, i numeri delle due classifiche non si discostano di molto…

Il gioco del calcio si basa su una palla che rotola, perché presa a calci e talvolta basta un ciuffo d’erba a dare la svolta ad una partita… però se vai a giocare a Torino con una squadra (la Juventus) che paga la sua rosa sette volte più della tua, facile che finisca 3-0, come il 20 settembre scorso, mentre magari, grazie all’imprevedibilità delle zolle, puoi andare a vincere in casa della Fiorentina, i cui giocatori guadagnano solo una volta e mezzo quelli della Sampdoria.

Tutto questo per chiederci se ci sarà spazio nel budget, almeno per Asamoah, ma anche per allacciarci ad una bella intervista, sempre della “rosea” al più grande centravanti della storia della Sampdoria, in cui Gianluca Vialli definisce il calcio un business, che muove grandi interessi economici, ma che dona emozioni e ricordi (a chi gioca e a chi guarda)…

Un’intervista che porta a galla l’uomo Vialli, che non si vergogna a raccontare di aver pianto, con Mancini, nel post partita di Wembley ed a svelare di non aver accantonato il sogno di poter fare un giorno il presidente di una squadra…

Non specifica quale, ma vogliamo indovinarne, noi, il nome?