Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rio Rovare e Rio Noce, gara d’appalto ‘unica’ entro la fine del 2020 per la messa in sicurezza

Tra gli altri aggiornamenti emersi durante la commissione la possibilità che entro la primavera 2021 possano essere assegnati i lavori dei rii alle spalle di Sestri Ponente

Genova. Una gara unica, entro la fine dell’anno, per i lavori di adeguamento del rio Rovare e del Rio Noce a San Fruttuoso. A questo stanno lavorando i Lavori pubblici di Genova per risolvere una volta per tutte il problema degli allagamenti dovuti a questi corsi d’acqua che da decenni non vedono la luce del sole.

Lo ha detto Stefano Pinasco, direttore Infrastrutture e difesa del suolo del Comune di Genova durante la commissione consiliare sugli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico a Genova. “Il secondo stralcio dei lavori sul rio Rovare – ha detto – è stato finanziato, stiamo partendo con la verifica del progetto esecutivo che da oltre due anni era appunto in attesa di finanziamenti e l’obbiettivo è cercare di uscire con bando di gara entro quest’anno”.

C’è attesa anche per il finanziamento del cosiddetto by pass del Rio Noce, progetto che prevede di realizzare ex novo, su tracciato interrato, un nuovo percorso in sostituzione di quello che crea allagamenti, in casi di eventi meteorologici intensi, nella zona universitaria di San Martino. “Si pensa di unire questi interventi in un unico appalto perché ci sono alcune sovrapposizioni, come ad esempio il cosiddetto ‘pozzo Carena’ tra viale Benedetto XV e corso Gastaldi e avere due diverse imprese sarebbe un’inutile complicazione”, ha aggiunto il dirigente comunale. La gara unica sarebbe possibile anche perché i lavori rientrano nel piano Italia Sicura (Invitalia) di cui Giovanni Toti è commissario straordinario.

Tra gli altri aggiornamenti emersi durante la commissione la possibilità che entro la primavera 2021 possano essere assegnati i lavori dei rii alle spalle di Sestri Ponente, finanziati dal governo, e relativi ai corsi d’acqua Molinassi, Cantarena, Marotto-Monferrato e Ruscarolo.