Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Nel palazzo della Rinascente arriva il colosso dell’energia Axpo. Toti e Bucci: “Bel segnale per la città” fotogallery

Dal settimo al decimo piano i nuovi uffici che ospiteranno circa 200 persone. Resta il buco 'nero' del piano terra dove sorgeva il grande magazzino

Genova “Riempie un buco nero di questa città, un luogo a cui i genovesi erano molto affezionati che illuminava il centro di Genova. Finalmente si riempie torna a essere uno spazio produttivo che porta occupazione e lavoro, sintomo dell’interesse di grandi aziende straniere per la nostra città”. E’ soddisfatto il governatore della Liguria Giovanni Toti che questa mattina insieme al sindaco di Genova Marco Bucci ha partecipato all’inaugurazione della nuova sede di Axpo Italia nell’edificio della Ex Rinascente.

I nuovi uffici del quartier generale del coloro dell’energia occupano tre piani con tanto di terrazze sulla città ospiteranno circa 200 lavoratori. “Qui non si è trattato di riempire un buco nero – precisa il sindaco Marco Bucci – ma festeggiamo un’azienda che è a Genova, che si sta espandendo, che assume persone di alto livello anche nel resto d’Italia e le porta qui. Questo è un modo innovativo di fare business che noi vogliamo che si estenda a tutta la nostra città”. Resta ancora vuota la parte dell’edificio al piano terra (di proprietà di banca Carige) che ospitava lo storico grande magazzino, ma oggi è un giorno di festa che vede l’insediamento di una grande azienda con ripercussioni anche sull’indotto.

Per Axpo si tratta di un ritorno in centro in occasione dei suoi 20 anni di attività nel nostro Paese. La prima sede era infatti in piazza Dante, seguita poi da quella di Fiumara e di Sestri Ponente, in via Albareto.

“Dopo quasi due anni dalla chiusura del grande magazzino La Rinascente e di diverse altre attività storiche, vogliamo che questa parte del cuore della città torni a vivere. Axpo ha deciso di portare qui i suoi uffici contribuendo a dare nuova energia a questo quartiere. Uno degli obiettivi che si lega a questo nostro trasloco è la volontà di un rilancio di una realtà ferita e che deve ritornare a vivere” spiega  Simone Demarchi, amministratore delegato Axpo Italia. “Questa Regione, e Genova nello specifico, ospitano la nostra sede principale da ormai da vent’anni, e abbiamo l’obiettivo di portare avanti un percorso di crescita dell’area limitrofa ai nostri nuovi uffici, di concerto con le istituzioni e con tutte le realtà che insistono in questa zona, e al contempo di continuare ad essere in prima fila nello sviluppo economico della Liguria e del Paese in ottica di sostenibilità e nell’interesse di tutta la collettività”.

A ripensare gli spazi che ospitano Axpo – esattamente il settimo, ottavo e nono piano della palazzina cui si aggiunge la meravigliosa terrazza che offre una vista panoramica di uno scorcio di città – è stato lo studio Vemworks, lo stesso che ha progettato la sede di Milano.
Benché separati, non si percepisce troppo la distinzione tra spazi di rappresentanza e zone operative. Pareti di vetro che lasciano intravedere ciò che c’è oltre, impianti a vista, trattamenti parietali che rappresentano il funzionamento interno di parti elettriche e meccaniche. Questa scelta ha anche reso possibile far penetrare l’illuminazione naturale derivante dalle ampie superfici finestrate perimetrali.
Il settimo piano ha un’impostazione più tradizionale, dovendo dare privacy a diverse divisioni operative dell’azienda e i piani ottavo e nono richiamano il medesimo schema. Particolare cura è stata dedicata al cuore pulsante del quartier generale di Axpo Italia: la trading room. Centro nevralgico di Axpo, è pensato e realizzato per essere al contempo accogliente e funzionale dotando i trader delle migliori tecnologie con 8 schermi per postazione e il collegamento costante con news di finanza e meteo da tutto il mondo.

Ma gli uffici di Axpo Italia non sono solo aree operative e sale riunioni: in ogni piano troviamo una zona kitchenette, molti phone boot dove poter telefonare in totale privacy, box dove poter lavorare e intrattenere conversazioni private, oltre alle zone relax. Un relax garantito anche dalla creazione di spazi ludici dove rilassarsi e allenare la creatività: un tavolo da ping pong è sistemato al nono piano accanto alle aree operative e nella stessa zona trova spazio un calcio balilla, rigorosamente brandizzato Axpo e due videogiochi arcade all’insegna del vintage.

Al decimo piano, c’è invece uno spazio multifunzionale: sala eventi oppure sala riunioni e zona di decompressione, dove poter lavorare in un ambiente più disteso. Gli spazi di questo piano sono completati da aree, in terrazza anche con copertura, dove poter consumare break e lunch all’aperto, particolarmente adatte all’esigenza attuale di distanziamento sociale. Qui si trova infine la Situation Room per i meeting di strategia aziendale.